FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3922577
Home » Rassegna stampa » Nazionale » Arriva la classifica delle scuole italiane

Arriva la classifica delle scuole italiane

Tra i tanti parametri che incideranno, la valorizzazione degli insegnanti, i risultati degli studenti e i loro esiti occupazionali.

03/05/2015
Decrease text size Increase text size
Il Messaggero

ROMA Il processo di valutazione delle istituzioni scolastiche compie un ulteriore passo in avanti nella direzione auspicata dal ddl “La buona scuola”. È stata infatti presentata qualche giorno fa al ministero dell’Istruzione la piattaforma web che consentirà agli istituti scolastici di compilare il rapporto di autovalutazione. L’accesso alla piattaforma sarà per il momento ad appannaggio dei dirigenti scolastici e dei componenti del gruppo di autovalutazione delle scuole. Le scuole dovranno darsi un punteggio da 1 a 7 su 11 macro-voci riguardanti il profitto degli studenti (dai risultati scolastici, risultati delle prove standard competenze e obiettivi a distanza) e i processi (progettazione, curricolo, valutazione, inclusione, organizzazione della scuola, territorialità, dialogo con le famiglie, valorizzazione del personale scolastico). Entro il 31 Luglio, le scuole dovranno inviare il loro rapporto di autovalutazione. Successivamente nella piattaforma ogni singolo istituto troverà una serie di dati statistici che serviranno su base locale e nazionale a paragonare i risultati ottenuti con quelli di altri istituti con lo stesso percorso di studi.
GLI INDICATORI
Tra i 49 indicatori che determinano lo stato di salute della scuola ci saranno anche gli esiti occupazionali degli studenti, grazie ad una partnership tra il Miur ed il Ministero del Lavoro. Una volta che il Rav (rapporto di autovalutazione) sarà completato sono previsti il 31 Luglio, le scuole dovranno inviare il loro rapporto di autovalutazione. Successivamente nella piattaforma ogni singolo istituto troverà una serie di dati statistici che serviranno su base locale e nazionale a paragonare i risultati ottenuti con quelli di altri istituti con lo stesso percorso di studi.
GLI INDICATORI
Tra i 49 indicatori che determinano lo stato di salute della scuola ci saranno anche gli esiti occupazionali degli studenti, grazie ad una partnership tra il Miur ed il Ministero del Lavoro. Una volta che il Rav (rapporto di autovalutazione) sarà completato sono previsti due step di pubblicazione: il primo sul portale della scuola e poi sul portale del Ministero dell’Istruzione, nella sezione “Scuola in chiaro”.
GLI OBIETTIVI
L’obiettivo dell’autovalutazione è il confronto con le altre scuole e il determinare gli obiettivi da migliorare o le lacune da colmare, in un ambito di complessiva analisi e valutazione del sistema formativo su base triennale. I risultati dei test saranno resi pubblici tramite la pubblicazione online del Rapporto di autovalutazione. Il rapporto di autovalutazione è finalizzato al miglioramento dell'offerta formativa e degli apprendimenti e sarà indirizzato in particolar modo alla riduzione della dispersione scolastica e dell'insuccesso scolastico, all’arginare le differenze tra scuole e aree geografiche, alle differenze di apprendimento, alla progressione educativa degli studenti rispetto alla situazione di partenza. Ma l’autovalutazione non è solamente una nuova applicazione per scandagliare e conoscere il mondo della scuola, ma per il sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone è un tassello «che si inserisce nel complesso della grande operazione di trasparenza che stiamo facendo sulla scuola con il ddl di riforma. La valutazione inoltre è della comunità e non del singolo dirigente scolastico, che ha il compito di costruire una sinergia affinché la missione educativa sia completata. L’autonomia – ha concluso Faraone – funziona se è accompagnata dalla trasparenza.»
IL MINISTRO
Il ministro Stefania Giannini ha dichiarato: «Stiamo dando alle scuole lo strumento per lavorare al miglioramento della loro offerta. Per la prima volta gli istituti avranno un set di dati completo su cui ragionare. Non stiamo mettendo voti né abbiamo creato un sistema per classificare le scuole, ma stiamo offrendo – ha concluso - al sistema gli strumenti per guidare l’autonomia scolastica».  
Massimiliano Coccia


Servizi e comunicazioni

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Articolo 33, la nostra rivista mensile
Articolo 33, la nostra rivista mensile
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL
Seguici su facebook