FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3906789
Home » Rassegna stampa » Nazionale » 2013, gli studenti tornano all'università. Boom di iscritti dopo dieci anni di calo

2013, gli studenti tornano all'università. Boom di iscritti dopo dieci anni di calo

Il picco al centro nord. Effetto del marketing degli atenei e del lavoro che non c’è

09/11/2013
Decrease text size Increase text size
la Repubblica

Corrado Zunino

ROMA
— Sorpresa, i nostri ragazzi tornano all’università. Dopo sei stagioni di crisi economica e dieci di progressivo abbandono del sapere d’eccellenza, quest’anno i dati mostrano una novità: la caduta verticale si è fermata. Di più, è iniziata la risalita. È una sorpresa confortante, anche per chi a lezione
non va più.
Questa settimana si sono chiuse le iscrizioni nelle nostre sessanta università pubbliche e nei politecnici di Stato.
Non tutto è definitivo: ci sono alcune proroghe, si attendono i risultati del ripescaggio bonus maturità, c’è chi pagherà la mora e si iscriverà in ritardo.
Ma se si fissano confini netti (la stessa data di iscrizione sia per il 2013 che per il 2012) e si interpellano gli uffici statistici degli atenei, si scopre con meraviglia che i maturati italiani stanno tornando a fare le matricole.
Repubblica
ha contattato i sessanta atenei e nell’arco di sei giorni ha ricevuto ventotto risposte (le università che mancano non avevano dati consolidati o avevano paura di renderli pubblici). Ne è venuto fuori questo quadro: su ventotto atenei, ventitré registrano una crescita di iscritti. Sono 5.246 matricole in più su una platea di 149.262 studenti. E i cinque atenei con segno negativo hanno deficit minimi: a Torino mancano 41 giovani (lo 0,3%) per pareggiare il 2012 e l’università è certa di una crescita finale. Così Firenze (-1,9% oggi), Siena (-2,3%) e L’Aquila con tutte le sue difficoltà (-2,3%). La continua caduta di Catania (-3,1% sul 2012, -8,1% su due anni fa) segnala invece
un allontanamento ulteriore delle grandi università del Sud (anche Bari e Palermo, pur non fornendo i dati, confermano ritardi negli iscritti). Il conteggio finale su questo spaccato rappresentativo di atenei certifica che le iscrizioni totali al primo anno crescono del 2,4%. Sì, incoraggiante dopo un -17% in una decade.
Se c’è un Meridione che si scolla
(cresce però l’Orientale di Napoli e il Politecnico di Bari registra un notevole +12,5%), quasi tutti gli atenei del Centro-Nord richiamano nuove iscrizioni. Le tre grandi scuole d’eccellenza di Milano (Statale, Bicocca e Politecnico), le tre di Roma (Sapienza, Tor Vergata e Roma Tre), l’Alma Mater di Bologna, la Ca’ Foscari di Venezia. Grandi contenitori di lezioni e crediti:
hanno dati in crescita. Sono in aumento le immatricolazioni nelle zone toccate dall’ultimo terremoto (Ferrara +4,9%, Modena-Reggio +1,8%), nelle città con i record di denatalità (Trieste +5%, Genova +2,3%), nelle lombarde Bergamo e Pavia. E un boom si segnala nelle piccole città del sapere nelle Marche, in Abruzzo, in Umbria, nel Lazio: Teramo quest’anno ha un ter-
zo di immatricolati in più, Macerata il 22%. Aumenti consistenti si osservano a Cassino e Urbino.
Al Politecnico di Torino, oggi, i fuori regione sono più dei piemontesi e ogni anno crescono gli stranieri. All’Università di Torino il corso di economia quintuplica gli iscritti e scienze dell’amministrazione online li quadruplica. Alla Statale di Milano scienze del farmaco ospita il 40% di studenti in più, scienze agrarie e alimentari il 33%.
Ci sono due elementi forti alla base della risalita universitaria: il marketing spinto che diversi atenei hanno messo in campo per attirare clienti e la crescita della disoccupazione. Da una parte gli sconti sulle rette di Sapienza e Ca’ Foscari, le borse di studio alle matricole di Pisa, dall’altra la mancanza di prospettive di impiego. Dice Andrea Cammelli, presidente del consorzio AlmaLaurea: «Con la disoccupazione giovanile oltre il 40 per cento un neodiplomato, sapendo che non troverà lavoro, intanto si iscrive all’università