FLC CGIL
Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3802095
Home » Rassegna stampa » Locale » Mattino-Scuola, al ministero il duello sindacati-Bottino

Mattino-Scuola, al ministero il duello sindacati-Bottino

DOPO LE POLEMICHE E IL BLOCCO DELLE RELAZIONI A LIVELLO LOCALE

17/03/2006
Decrease text size Increase text size
Il Mattino

SERENA MARTUCCI Un tavolo di confronto nazionale, alla presenza di un funzionario del Ministero dell’Istruzione per discutere la situazione campana e riallacciare le trattative con i sindacati. Di fatto uno sgarbo al direttore dell'ufficio scolastico regionale Alberto Bottino, a cui resta la titolarità dei rapporti con i sindacati, condotti però con il supporto del Miur. Dopo le polemiche degli ultimi mesi tra le organizzazioni della scuola campana e la dirigenza regionale del Csa, qualcosa sembra essersi sbloccato con il documento d’intenti siglato a Roma. Prossimo incontro lunedì per decidere le fasi operative. Una vittoria di sicuro per le sigle della scuola. «Dalla lettura del documento di intenti del Miur - sostiene Vincenzo Brancaccio, segretario generale regionale Cisl scuola - si rileva come le tesi, le riflessioni, le proteste, insomma la linea politica della nostra organizzazione sia stata recepita pienamente perché basata sulla realtà. Del resto, la precarietà e il clima di incertezza in cui versa la scuola campana è sotto gli occhi di tutti». «È una grandissima conquista - aggiunge Franco Buccino, responsabile Flc-Cgil - In più occasioni, durante gli ultimi mesi, abbiamo tentato di riallacciare le trattative sindacali con Bottino ma, constatato che non vi erano punti d'incontro, abbiamo chiesto ed ottenuto un tavolo di confronto nazionale su temi di straordinaria importanza. La dichiarazione d'intenti firmata dai dirigenti ministeriali rappresenta senza alcun dubbio un impegno a trattare e considerare in maniera concreta ed operativa tali questioni». Posizione condivisa anche dalla Uil. «A Roma cominceremo un nuovo tipo di relazioni sindacali perché quello sostenuto fino ad ora a Napoli era inesistente», sottolinea Franco Pascarella della Uil scuola Campania. A tutte le polemiche sollevate, Bottino preferisce rispondere con un severo «no comment». «A parlare siano i fatti - spiega il direttore - la fase è indubbiamente delicatissima. Preferisco attendere l'evoluzione degli eventi per poi poter sottolineare il mio punto di vista. Di sicuro sono fiducioso e sereno. Credo solo che allentare le tensioni e riuscire a ricreare un clima più disteso sia la scelta migliore sia per permettere all'amministrazione regionale di poter operare nel migliore dei modi sia per i sindacati,affinché si possano concentrare e difendere gli interessi degli operatori della scuola. Non voglio sollevare polveroni. Almeno in questo momento. Di sicuro in tutto ciò chi ci rimette è l'amministrazione». Ma l'euforia dei sindacati viene smorzata dalla nota polemica lanciata dal segretario generale della Cisl Campania Pietro Cerrito. «Spero solo che questa vertenza scuola che la Cisl sta tenacemente portando avanti da sola diventi la vertenza di tutta la Campania - afferma Cerrito- dato che fino ad ora siamo stati costretti a sollecitare la partecipazione delle altre sigle sindacali». La risposta delle sigle non tarda ad arrivare. «Questa è una battaglia unitaria. Cerrito parla solo per se stesso», precisa la Uil, mentre la Cgil non ci sta e ricorda «Siamo stati i primi a portare avanti queste istanze. Oggi siamo uniti e questi tentativi ci fanno sorridere».


La nostra rivista online

Servizi e comunicazioni

Seguici su facebook
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33

I più letti

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL