FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3859493
Home » Pagine Web » Scioperi e manifestazioni » Formazione professionale: i motivi dello sciopero del 18 marzo

Formazione professionale: i motivi dello sciopero del 18 marzo

18 marzo 2009, sciopero generale di tutti i settori della conoscenza.

04/03/2009
Decrease text size Increase text size

La Formazione professionale sciopererà insieme agli altri comparti della conoscenza.

Contro:

  • le risposte insufficienti del governo di fronte ad una crisi che interessa sempre più larghe aree del paese, aggredendo i redditi e l'occupazione;

  • la incapacità del governo di dare risposte ai lavoratori, ai cassintegrati, ai pensionati, alle famiglie, ai giovani;

  • la destabilizzazione delle tutele del lavoro, lo smantellamento dei diritti sociali, l'attacco alle libertà costituzionali;

  • i tagli e le continue incursioni sui finanziamenti destinati a tutti settori della conoscenza, dalla formazione professionale, alla ricerca, che indeboliscono il sistema formativo del paese e ne rendono precario il futuro;

  • la progressiva sostituzione della contrattazione con forme di bilateralità istituzionalizzate e addomesticate;

  • il rischio che dietro la crisi si nasconda il tentativo di azzerare la universalità dei contratti ed il ruolo della contrattazione.

Per:

  • riaffermare il ruolo proprio del sindacato, di rappresentanza del mondo del lavoro;

  • restituire dignità e ruolo alla contrattazione, per la tutela dei salari, per la tutela solidale dei diritti di tutti e di ciascuno;

  • estendere gli ammortizzatori sociali ai comparti che ne sono privi ed ai precari;

  • difendere e riaffermare il ruolo solidaristico e universale del contratto nazionale;

  • ridare slancio alla contrattazione integrativa come strumento di difesa dei salari;

  • rilanciare il sistema formativo affermando il ruolo centrale della conoscenza per uscire dalla crisi;

Per queste ragioni il comparto della Formazione professionale il 18 marzo sciopererà per quattro ore all'inizio di ogni turno.

Per queste ragioni il 4 aprile parteciperà alla grande manifestazione indetta dalla CGIL a Roma per la difesa dei diritti e dei salari.

Partecipiamo tutti, e facciamo partecipare i colleghi allo sciopero del 18 marzo ed alla manifestazione del 4 aprile, per riaffermare il valore della rappresentanza, per difendere i diritti del lavoro, i diritti sociali, le libertà costituzionali.

marzo 2009