FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3872579
Home » Pagine Web » Scioperi e manifestazioni » Contro la manovra economica del Governo, sciopero generale il 25 giugno 2010

Contro la manovra economica del Governo, sciopero generale il 25 giugno 2010

Ad incrociare le braccia saranno i lavoratori di tutti i comparti, pubblici e privati, con modalità diverse. Le regioni Liguria (esclusa la provincia di La Spezia che sciopererà il 25 giugno), Toscana e Piemonte, effettueranno lo sciopero il 2 luglio 2010.

22/06/2010
Decrease text size Increase text size

La CGIL ha proclamato lo sciopero generale per venerdì 25 giugno di almeno 4 ore per i lavoratori dei settori privati e dell'intera giornata per quelli pubblici. Nella stessa giornata si svolgeranno manifestazioni regionali o territoriali.

Modalità di sciopero, approfondimenti, volantini.

Le regole e le procedure da seguire nelle scuole.

Modalità di sciopero in alcune regioni

Le regioni Liguria (esclusa la provincia di La Spezia che sciopererà il 25 giugno), Toscana e Piemonte, effettueranno lo sciopero il 2 luglio 2010 . Per i comparti della conoscenza, invece, è stata fissata un'unica data di sciopero (il 25 giugno) in tutte le regioni.

Le ragioni dello sciopero

La protesta organizzata dalla Confederazione arriva dopo il varo della manovra correttiva da parte del Governo, manovra che la CGIL ha più volte definito "sbagliata e iniqua": sbagliata perché non vi sono provvedimenti di sostegno all'occupazione, alla crescita e allo sviluppo; iniqua, perché divide il Paese caricando i costi della manovra sui lavoratori dipendenti, pubblici e privati, sulle Regioni, sugli Enti Locali e sui cittadini più esposti. Risulta inoltre iniqua al Nord come al Sud dell'Italia, tanto verso i giovani quanto verso i pensionati, sottraendo risorse alla parte più debole del Paese e gravando soprattutto sulle lavoratrici e i lavoratori.

La CGIL attacca dunque la manovra economica del Governo e ribadisce la necessità di una vera politica industriale, ponendo come priorità la difesa dell'occupazione, la crescita e lo sviluppo, proponendo un "Piano straordinario del Lavoro" fondato su una politica industriale, su investimenti pubblici e sull'ingresso delle nuove generazioni nei settori strategici dell'economia pubblica, istruzione e ricerca. Esattamente il contrario di ciò che sta facendo il Governo.

Testo della manovra economica

Approfondimenti

Volantini FLC CGIL

Manifesti e volantini CGIL