FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3816875
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » UNA GRANDE MANIFESTAZIONE NAZIONALE AL CNR ED UN INCONTRO CON IL MINISTRO MUSSI PER DENUNCIARE L’EMERGENZA RICERCA

UNA GRANDE MANIFESTAZIONE NAZIONALE AL CNR ED UN INCONTRO CON IL MINISTRO MUSSI PER DENUNCIARE L’EMERGENZA RICERCA

Il Governo deve assumere il sostegno alla Ricerca, la valorizzazione di tutta la comunitàscientifica ed investire adeguatamente sulla conoscenza

10/07/2006
Decrease text size Increase  text size

Comunicato stampa di Enrico Panini Segretario Generale della FLC Cgil

Nella giornata di oggi oltre 500 ricercatori, provenienti dalle diverse sedi territoriali, hanno manifestato davanti al CNR per denunciare lo stato di abbandono dell’istituto, la gravità della situazione che sta attraversando la ricerca nel nostro Paese, l’esistenza di una quantità enorme di precari senza alcuna prospettiva per il loro futuro.

Al termine della manifestazione una delegazione è stata ricevuta dal Ministro Mussi che, a fronte della precisa denuncia presentata sulle diverse questioni oggetto della manifestazione, ha assicurato il proprio interessamento mentre sulla questione del personale precario ha annunciato che intende muoversi in sintonia con i temi da noi posti verso gli altri Ministri.

La manifestazione nazionale che la FLC Cgil ha organizzato davanti al più grande ente di ricerca del nostro Paese parte dalla denuncia dello scellerato abbandono della Ricerca da parte del precedente governo.

Commissariamenti politici degli Enti di Ricerca, costante riduzione dei fondi, fuoriuscita da prestigiosi progetti di ricerca internazionali, assenza di ogni politica sull’innovazione e sullo sviluppo del nostro Paese, incremento abnorme di una precarizzazione che raggiunge in alcuni enti anche l’80% dei dipendenti rappresentano ingredienti che hanno caratterizzato 5 anni che abbiamo alle spalle.

Ora occorre una netta e irreversibile discontinuità su ognuno dei punti che hanno caratterizzato l’avvio del presente governo ed è inderogabile assumere il sostegno alla Ricerca, ed in particolare la Ricerca di base, e la valorizzazione della nostra comunità scientifica che ha grandi meriti e grandi capacità come gli ingredienti per un futuro del nostro paese che non può che investire sulla conoscenza e sullo sviluppo di qualità e sostenibile.

Siamo molto soddisfatti del successo della giornata di oggi ma per quanto ci riguarda l’urgenza dei problemi è tale da spingerci a proseguire con determinazione nella nostra azione fino al raggiungimento di tutti gli obiettivi.

Roma, 10 luglio 2006