FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3828851
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Sulle dichiarazioni di Francesco Rutelli a proposito della Legge Moratti

Sulle dichiarazioni di Francesco Rutelli a proposito della Legge Moratti

Comunicato stampa di Enrico Panini

03/08/2004
Decrease text size Increase  text size

Comunicato stampa di Enrico Panini, Segretario generale FLC CGIL
(Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL)

L’on. Francesco Rutelli si dice convinto, in un’intervista rilasciata ad un importante quotidiano, che un futuro governo di centro sinistra debba “…sperimentare la riforma Moratti…“ per poi stabilire i punti precisi su cui intervenire.

Insieme a decine di migliaia di insegnanti, dirigenti scolastici e lavoratori ata della scuola, e insieme a decine di migliaia di famiglie siamo convinti che ci sia ben poco da sperimentare, perché la realtà che abbiamo sotto i nostri occhi parla chiaro.

Infatti, l’attuazione della Legge Moratti sulla scuola concretizza l’obiettivo strategico di dare meno istruzione pubblica a tutti e di reintrodurre la selezione sociale a scuola separando i percorsi in base al reddito delle famiglie.

Una Legge così un Governo di centrosinistra non la deve sperimentare, la deve semplicemente abrogare.

L’impegno che la FLC CGIL, il maggiore e piu’ rappresentativo sindacato della scuola, dell’università e della ricerca, chiede ad un futuro governo di centro sinistra è quello di dare riscontro positivo ai tanti che chiedono piu’ scuola pubblica e migliore.

Analogo ragionamento vale per l’università e per la ricerca.

Occorre per questo rendere note, con chiarezza e tempestività, le proprie autonome scelte programmatiche, discuterle, dichiarare gli impegni in ordine alle risorse economiche per realizzarle.

Altrimenti, siamo dentro ad un approccio in base al quale le sensibilità fra movimenti, forze sociali e politica anziché trovare punti di convergenza programmatica già cominciano a segnare distinguo incomprensibili.

Roma, 3 agosto 2004