FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3927499
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Sistema nazionale di valutazione: la propaganda e i fatti

Sistema nazionale di valutazione: la propaganda e i fatti

Comunicato stampa di Domenico Pantaleo, Segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL.

04/11/2015
Decrease text size Increase  text size

Il Ministro dell’Istruzione Giannini e il sottosegretario Faraone non hanno usato mezze parole. La pubblicazione sul portale dei rapporti di autovalutazione sarebbe un “risultato storico”. La valutazione è una risorsa straordinaria “per dare benzina alle scuole”. “Grazie al Rav, all'Anagrafe dell'edilizia scolastica, al portale Scuola in chiaro, siamo in grado di avere un quadro definito e globale del nostro sistema d'istruzione".

Ci permettiamo di dubitare di queste fantasiose affermazioni che non tengono conto della realtà. Ricordiamo che tutto il procedimento di elaborazione del RAV, al di là delle belle parole, ha avuto fin subito una impostazione burocratica: non si è trattato di stimolare l’attivazione e la prosecuzione di un processo partecipativo, ma di imporre la compilazione di un format spesso vissuto come l’ennesimo adempimento burocratico da sbrigare.

Il Ministro dimentica di ricordare, ad esempio, le criticità del questionario scuola: dati immessi automaticamente dal sistema informativo, risposte  delle scuole senza avere la possibilità di motivare le ragioni, nessuna trasparenza sulle modalità di elaborazione e coordinamento sia dei dati  esterni (prove standardizzate, Scuola in chiaro, Istat, Ministero del lavoro, Ministero dell’Interno) che di quelli del questionario. Oppure ricordiamo che il sistema informativo era “automaticamente” programmato per fare un controllo di coerenza tra esiti e priorità.

Ma al Ministro e al sottosegretario interessano, evidentemente, solo numeri, i grafici, le classifiche, le competizioni fra scuole.

Avere a disposizione un semplice numero e una classifica da proporre all’opinione pubblica e ai decisori politici, privi di strumenti per comprendere l’attendibilità dei dati e la loro predicibilità, è un’operazione mediaticamente efficace, ma che di fatto non fornisce nessun contributo al miglioramento del sistema educativo.

Questo processo di burocratizzazione è perfettamente coerente con quanto previsto dalla legge 107.

Ieri abbiamo avuto conferma che la costruzione di vero Sistema Nazionale di Valutazione è un obiettivo ancora lontanissimo da raggiungere per il nostro Paese.