FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3811993
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Scuola, incontro con il Ministro Fioroni: la realizzazione degli impegni illustrati dal Ministro rappresenterà una importante discontinuità con la gestione del Ministro Moratti

Scuola, incontro con il Ministro Fioroni: la realizzazione degli impegni illustrati dal Ministro rappresenterà una importante discontinuità con la gestione del Ministro Moratti

Il Ministro Fioroni illustra il suo programma ed assume importanti impegni. Le proposte della FLC Cgil.

14/06/2006
Decrease text size Increase  text size

Il Ministro Fioroni ha illustrato nell’incontro di oggi il suo programma di lavoro ed abbiamo registrato importanti impegni che, se realizzati, segneranno una forte discontinuità con la disastrosa gestione del Ministro Moratti.

  • Abbiamo chiesto di cancellare la Legge Moratti, rimuovendo con urgenza tutti quegli atti che nella scuola primaria e secondaria se confermati condizionerebbero negativamente l’inizio del nuovo anno scolastico, ripristinando serenità, legalità, risorse.

Bisogna aprire un confronto con il mondo della scuola ed il Paese sulle scelte di fondo necessarie per il nostro sistema scolastico pubblico

In questo quadro una tappa importante potrà essere rappresentata dall’apertura di un tavolo di confronto a Palazzo Chigi, come richiesto nella giornata di lunedì 12 giugno dal Segretario generale della Cgil Guglielmo Epifani all’incontro con il Governo, relativo alla definizione di un piano straordinario di investimenti e di conseguenti scelte su scuola, università, ricerca e innovazione.

Il precariato rappresenta una emergenza drammatica ed è necessario, già a partire da settembre 2006, un piano che a tappe forzate immetta nei ruoli della scuola almeno 150.000 docenti ed ata.

  • Infine l’obbligo scolastico ed il suo innalzamento a 16 anni subito, per arrivare a 18 anni nel corso della legislatura, devono rappresentare una emergenza nell’azione del governo a partire dalla necessità di garantire a tutte le ragazze e i ragazzi di frequentare un percorso scolastico di qualità senza condizionamenti di reddito o di situazione sociale.

Fra i tanti punti sollevati abbiamo richiesto un intervento urgente sul personale inidoneo per motivi di salute, ormai alle soglie di un possibile licenziamento per scelte sciagurate contenute nella finanziaria per il 2003, ed abbiamo rivendicato la necessità di ripristinare nelle Commissioni per gli Esami di Stato la presenza di Commissari esterni.

Roma, 14 giugno 2006