FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3841739
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Sciopero Università, Ricerca e Afam del 29 ottobre 2007

Sciopero Università, Ricerca e Afam del 29 ottobre 2007

Comunicato stampa di Enrico Panini, Segretario Generale della FLC Cgil

29/10/2007
Decrease text size Increase  text size

Nella giornata di oggi si è svolto lo sciopero generale dell’Università, della Ricerca, dei Conservatori ed Accademie, che si colloca in continuità con lo sciopero generale della scuola di sabato scorso.

Significativa è stata l’adesione allo sciopero e molto partecipati i presidi indetti dai sindacati confederali di categoria davanti a Palazzo Vidoni ed a Piazza Montecitorio.

Un migliaio di lavoratori hanno partecipato alle due manifestazioni nazionali di Roma.

Con lo sciopero di oggi abbiamo rivendicato le risorse da mettere in Finanziaria necessarie per i rinnovi contrattuali 2008-2009, rivendicazione comune con gli altri comparti pubblici, e per l’attuazione dell’Intesa sulla conoscenza sottoscritta dalle OO.SS. con il Governo nel giugno 2007.

In particolare abbiamo denunciato l’assenza, ad oggi, degli atti di indirizzo per l’avvio delle trattative per il biennio 2006-2007 dell’Università, degli Enti Pubblici di Ricerca e dell’Alta Formazione artistica e musicale, che non ha ancora consentito l’apertura delle trattative e che per responsabilità unica e gravissima dei Comitati di settore ne comporterà l’avvio solo nel 2008.

Infine abbiamo chiesto che vada risolto con decisione il problema del precariato che nell’Università e negli Enti di Ricerca ha ormai assunto dimensioni inaccettabili.

Procedere sulla strada delle stabilizzazioni, garantire diritti ai tanti giovani che oggi lavorano con contratti atipici in questi comparti è per la FLC una priorità.

E’ anche per raggiungere questo obiettivo che al termine della manifestazione sono state consegnate al Ministero della Funzione Pubblica diverse migliaia di firme raccolte tra i precari sotto l’appello “perchè noi no?”

Roma, 29 ottobre 2007