FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3927319
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Riparte la mobilitazione per il rinnovo dei contratti. Il 28 novembre manifestazione nazionale

Riparte la mobilitazione per il rinnovo dei contratti. Il 28 novembre manifestazione nazionale

Comunicato stampa di Domenico Pantaleo, Segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL.

29/10/2015
Decrease text size Increase  text size

Riparte la mobilitazione in tutti i luoghi della conoscenza per rinnovare i contratti, cambiare radicalmente la pessima legge sulla scuola, contro le scelte contenute nella legge di stabilità che taglia il turn over e il salario accessorio, non stanzia risorse per il diritto allo studio, non investe nei settori della conoscenza e conferma la deriva della privatizzazione dei saperi.

La manifestazione nazionale del 28 novembre intende unificare le mobilitazioni intrecciando la riconquista del contratto nazionale con le tante emergenze e criticità  che stanno devastando le scuole, le università, la ricerca e l’AFAM. Il diritto al rinnovo del contratto nazionale è stato sancito dalla Corte costituzionale e il Governo non può eludere quella sentenza.

Non accettiamo ricatti e elemosine ma rivendichiamo risorse adeguate e l'eliminazione dei vincoli alla contrattazione decentrata. La legge 107 deve essere modificata radicalmente perché  sono evidenti il  fallimento nel migliorare la qualità  della scuola pubblica, i caratteri autoritari, il tentativo di cancellare la contrattazione, la forte penalizzazione del personale ATA e dei precari inseriti nelle seconde fasce, dei TFA e della scuola dell'infanzia. 

Nella legge di stabilità si confermano i tagli al personale ATA che mettono le scuole nelle  condizioni di non garantire una offerta formativa di qualità. 

E'  necessario che le tante iniziative programmate a livello territoriale coinvolgano tutti i lavoratori dei settori pubblici e privati perché a fronte di un attacco senza precedenti alle condizioni di lavoro e ai diritti costituzionali si deve rispondere allargando il fronte delle alleanze sociali.

Se non ci saranno risposte sia sul fronte contrattuale che sulle questioni che attengono i comparti della conoscenza, verrà proclamato lo sciopero di tutti i settori pubblici e della scuola.