FLC CGIL
Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3761041
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Portfolio: avevamo ragione noi, la CM sul portfolio e su religione è illegittima

Portfolio: avevamo ragione noi, la CM sul portfolio e su religione è illegittima

Accolta dal TAR del Lazio la sospensiva avverso la CM n. 84 del 2005

02/02/2006
Decrease text size Increase  text size

Comunicato stampa di Enrico Panini
Segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza Cgil

Un’altra Circolare Ministeriale dichiarata illegittima dal Tar del Lazio.

La FLC aveva dato mandato al proprio legale di proporre un ricorso al Tar del Lazio per chiedere l’annullamento, previa sospensione, della CM n. 84 del 2005.

Il Tar del Lazio, nella Camera di Consiglio di ieri, ha accolto, in via cautelare, un ricorso analogo al nostro con il quale erano state sollevate le medesime eccezioni di illegittimità

I giudici amministrativi hanno dichiarato la illegittimità della Circolare sotto un duplice profilo:

1) Illegittimità della Circolare per aver violato la normativa prevista dal T.U. n. 196/2003 in materia di tutela della privacy secondo la quale l’Amministrazione prima di raccogliere dati sensibili, quali biografie degli alunni, avrebbe dovuto dotarsi di un regolamento.

2) Illegittimità della Circolare per aver violato l’art. 304, IV del d.lgs. 16.4.1994, 297, avendo inserito, tra le materie curriculari, l’insegnamento dell’ora di religione, disciplina, invece, facoltativa.

Era dunque fondata la nostra opposizione alla CM 84.

Ne avevamo tempestivamente denunciato le illegittimità; prima di giungere all’impugnativa avevamo chiesto al Miur il ritiro della Circolare e avevamo diffidato il Governo e il Ministro dell’Istruzione affinché ritirassero immediatamente tutti i provvedimenti lesivi del principio di laicità dello Stato e delle norme Costituzionali.

Come sempre, però, il Miur ha preferito ignorare e temporeggiare.

Adesso il Ministero dovrà rivedere decisioni e comportamenti.

Roma, 2 febbraio 2006