FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3890802
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Riforma Organi Collegiali: finalmente se ne riparla, ma in Parlamento si ripropongono soluzioni già duramente contestate

Riforma Organi Collegiali: finalmente se ne riparla, ma in Parlamento si ripropongono soluzioni già duramente contestate

Comunicato stampa di Domenico Pantaleo, Segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL.

28/03/2012
Decrease text size Increase  text size

Finalmente si riparla di organi collegiali della scuola. È una buona notizia per la FLC CGIL che da anni si batte affinché l'autonomia scolastica sia resa efficace da una governance democratica fondata sulla partecipazione di tutti gli interessati a partire da chi nella scuola lavora e studia, fino alle famiglie e alle istituzioni territoriali.

Il disegno di legge ora in discussione in Parlamento, se ha il merito di riportare alla ribalta una questione così urgente, ripropone purtroppo soluzioni già presenti nella proposta Aprea che la FLC ha duramente contestato.

Resta la possibilità di far entrare le fondazioni e i privati nel Consiglio delle Autonomie. La nostra preoccupazione è quella che i finanziamenti privati sostituiscano quelli pubblici.

Inoltre non si può imporre un modello di valutazione dall'alto e tutto incentrato sull'Invalsi che, in un sistema condiviso, deve essere di supporto alle scuole senza mortificare l'indipendenza dei collegi docenti.

La prima condizione per rendere credibile qualsiasi progetto di riforma degli organi collegiali è la certezza delle risorse, il potenziamento degli organici e un radicale cambiamento delle riforme Gelmini.

La seconda condizione è la salvaguardia del sistema nazionale di scuola pubblica ed in tal senso il testo uscito dalla commissione presenta alcune criticità. Vogliamo evitare che la genericità di alcune parti del DDL (statuti) possa portare ad una frantumazione del sistema andando in una direzione opposta a quella dettata dalla Costituzione sulla gratutità del diritto allo studio, l'universalità e le pari opportunità. La scuola ha bisogno di maggiori risorse pubbliche che assicurino a tutti i cittadini il diritto all'istruzione.

Fino ad ora non s'intravede da parte del Governo Monti alcuna volontà reale di discontinuità rispetto al passato. Al Governo e alle forze politiche chiediamo un confronto di merito che porti ad una riforma largamente condivisa.