FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3883356
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Manovra finanziaria, ISPESL: chiediamo il ritiro immediato della norma salva-casta

Manovra finanziaria, ISPESL: chiediamo il ritiro immediato della norma salva-casta

Comunicato stampa di Domenico Pantaleo, Segretario generale Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL.

08/07/2011
Decrease text size Increase  text size

Ennesima norma ad-personam del governo Berlusconi inserita nella manovra finanziaria. Si tratta di quella che prevede per l'ex direttore generale dell'ex ISPESL, ente soppresso con la L 122/10 e incorporato nell'INAIL, il reintegro nella carica, con conservazione del relativo cospicuo stipendio.

Nelle pieghe dell'articolo 19 della manovra "Interventi in materia previdenziale" si annida infatti, al comma 21, una norma dall'incontrovertibile sapore salva-casta, giustificata dalla necessità della costruzione del più volte annunciato polo della salute e sicurezza dei lavoratori. L'ex direttore generale, Umberto Sacerdote, da oltre sei mesi sostanzialmente inattivo e sostituito nelle funzioni dai vertici dell'INAIL, alla luce di questo comma, continuerebbe a mantenere lo stipendio fino a fine anno, che era una delle voci di risparmio prevista dalla L 122/10 per giustificare la soppressione dell'ex-ISPESL. Ed oltre ad un rocambolesco rientro in sella la stessa norma gli confeziona il ritorno ad un nuovo incarico di livello dirigenziale generale, in deroga alle riduzioni previste dalla legge per i livelli dirigenziali delle amministrazioni, per l'esercizio a regime delle funzioni di ricerca trasferite all'INAIL. Sulla gestione allegra dell'ISPESL più volte si è occupato il Parlamento.

La norma ad-personam prevede generiche "iniziative correlate alla fase transitoria ed un ordinato trasferimento" delle funzioni dall'ex ISPESL all'INAIL, quando queste sono state trasferite già da un anno ed il processo di integrazione in INAIL è avviato con un masterplan in via di attuazione. L'unica cosa che manca sono i decreti attuativi da parte del Ministro Sacconi, attesi da troppo tempo, per il passaggio nei ruoli dell'INAIL. Lo scorso anno a seguito della soppressione dell''Ente al dott. Sacerdote veniva affidato dal Ministro Sacconi il solo compito di chiusura il bilancio 2010, adempimento concluso.

Per quali ragioni il Governo aggira le norme che esso stesso ha emanato? Quali competenze specifiche ha l'ex direttore dell'ISPESL per svolgere attività di ricerca e di salvaguardia della salute e della sicurezza dei lavoratori! Chiediamo il ritiro della norma clientelare ad-personam.