FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3898794
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Legge di stabilità: l'offesa a università e diritto allo studio

Legge di stabilità: l'offesa a università e diritto allo studio

Comunicato stampa di Domenico Pantaleo, Segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL.

22/12/2012
Decrease text size Increase  text size

Le politiche del Governo Monti hanno completato l'opera di demolizione delle università pubbliche. Adesso siamo al rischio di fallimento di 30 atenei e gli altri non potranno garantire più una qualità formativa adeguata.

Il fondo ordinario dopo, i tagli epocali della Gelmini, non garantisce nemmeno la copertura delle spese di funzionamento con l'inevitabile conseguenza di ridurre  la ricerca e i servizi agli studenti. Le tasse universitarie saranno ulteriormente aumentate e tutto questo provocherà la diminuzione delle iscrizioni. Sono stati ridotti 300 milioni al fondo ordinario 2013 ma sono stati distribuiti soldi a pioggia per accontentare lobby e microinteressi dai quali evidentemente Monti e i suoi Ministri pensano di ricavare qualche beneficio elettorale.

Si salvaguardano le università private, si conferma la spesa per gli inutili F35 ma si colpiscono università e diritto allo studio. Occorre rispondere con una immediata mobilitazione di studenti, docenti e personale delle università contro la privatizzazione che è stato il vero obiettivo dell'agenda Monti.