FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3894584
Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Immissioni in ruolo: Pantaleo, "un risultato importante, ora dare garanzie anche al personale ATA"

Immissioni in ruolo: Pantaleo, "un risultato importante, ora dare garanzie anche al personale ATA"

Comunicato stampa di Domenico Pantaleo, Segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL.

07/08/2012
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

È sicuramente un risultato importante aver ottenuto le immissioni in ruolo di oltre 21 mila tra docenti e personale educativo e 1.213 dirigenti scolastici.

La mobilitazione dei precari e l'ampio contenzioso legale messi in campo anche dalla FLC CGIL sono stati determinanti per superare le resistenze nello stesso Governo. Si è fatta chiarezza definitivamente, dopo continue esternazioni mediatiche sul concorso, sul fatto che per le immissioni in ruolo saranno utilizzate le vecchie graduatorie.

Rimangono seri interrogativi sulla possibilità di garantire le immissioni in ruolo per il personale ATA a seguito dei tagli e delle misure devastanti contenute nella spending review che costringono i docenti inidonei e gli ITP a transitare nei profili di assistenti tecnici e amministrativi mortificando la loro professionalità e togliendo posti ai precari. Nel sud la situazione è particolarmente drammatica. La FLC CGIL continuerà a contrastare in tutti i modi possibili quei provvedimenti assurdi che determineranno ulteriori disfunzioni nella organizzazione delle scuole.

Chiediamo al Ministro Profumo di garantire un congruo numero di assunzioni anche per gli ATA.  Abbiamo avanzato da tempo precise proposte per aumentare gli organici ormai ridotti all'osso e superare una situazione insostenibile per il funzionamento delle scuole. Non è più rinviabile un confronto specifico sui profili ATA. Resta la necessità di tornare ad investire nella scuola pubblica dopo i tagli epocali della Gelmini, ma fino ad ora il Governo Monti ha proseguito su quella stessa strada.