FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3889962
Home » Attualità » Sindacato » Tesseramento 2011: cresce il consenso per la FLC CGIL

Tesseramento 2011: cresce il consenso per la FLC CGIL

15.534 nuovi iscritti al nostro sindacato nel 2011, pari ad una crescita dell'8,33%. La coerenza paga.

26/02/2012
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Grande affermazione della FLC CGIL, nel 2011 cresce il numero delle adesioni che supera la soglia dei 200.000 iscritti.
Rispetto al 2010 si registra un incremento di 15.534 iscritti pari all'8,33%.

Una crescita costante che ha avuto nuova linfa con la nascita della FLC: il valore aggiunto dell'unificazione della filiera della conoscenza ha portato ad una crescita di quasi 30.000 nuovi iscritti. Si è rivelata una scelta vincente unire in un'unica federazione tutti i comparti della conoscenza, unica organizzazione, la CGIL, ad aver avuto questa lungimirante intuizione.

servizi-iscritti-flc-cgil-02Un consenso alla nostra organizzazione che viene dopo anni di battaglie pressoché solitarie. Siamo stati gli unici, fra le grandi organizzazioni confederali, ad aver contrastato con determinazione le politiche regressive del precedente governo.
I lavoratori della conoscenza hanno saputo valutare l'efficacia degli accordi separati, ai quali la FLC non ha partecipato, che hanno portato al blocco dei contratti e degli scatti di anzianità.

Siamo ora a pochi giorni dal voto per l'elezione delle RSU e lo slogan del nostro video per le elezioni recita "Libertà è partecipazione", prendendo in prestito le parole di una bella canzone di Giorgio Gaber: oltre un milione di lavoratori dei comparti della conoscenza, andando a votare, possono partecipare e far pesare le loro scelte. Sono scelte da fare in piena libertà, si sceglie il proprio rappresentante sindacale, si può scegliere l'organizzazione che meglio ha rappresentato la categoria in questi anni e può continuare a farlo con maggiore sostegno.

TESSERAMENTO FLC CGIL SERIE 2010-2011
PROVINCE/REGIONI 2010 2011 DIFF.  %
VALLE D'AOSTA 748 818 70 9,36%
PIEMONTE 14.848 15.646 798 5,37%
LIGURIA 5.178 5.525 347 6,70%
LOMBARDIA 25.861 29.677 3.816 14,76%
VENETO 11.515 12.127 612 5,31%
TRENTINO 1.747 2.123 376 21,52%
ALTO ADIGE 991 1.115 124 12,51%
FRIULI VENEZIA GIULIA 5.331 5.533 202 3,79%
EMILIA ROMAGNA 20.888 23.534 2.646 12,67%
TOSCANA 15.482 17.587 2.105 13,60%
MARCHE 4.911 6.096 1.185 24,13%
UMBRIA 2.383 2.724 341 14,31%
LAZIO 15.862 17.399 1.537 9,69%
ABRUZZO 2.708 3.083 375 13,85%
MOLISE 2.001 2.145 144 7,20%
CAMPANIA 12.344 12.356 12 0,10%
PUGLIA 10.703 10.817 114 1,07%
BASILICATA 3.600 3.565 -35 -0,97%
CALABRIA 6.059 6.378 319 5,26%
SICILIA 16.523 16.912 389 2,35%
SARDEGNA 6.707 6.764 57 0,85%
TOTALE GENERALE 186.390 201.924 15.534 8,33%