FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3942283
Home » Attualità » Sindacato » Sgombero Làbas, la FLC CGIL a fianco degli attivisti

Sgombero Làbas, la FLC CGIL a fianco degli attivisti

Il 9 settembre prevista una grande manifestazione a Bologna per riaprire i locali del collettivo.

06/09/2017
Decrease text size Increase  text size

Lo scorso 8 agosto, in una tranquilla mattina a Bologna, veniva brutalmente sgomberato dalla polizia caserma Masini, l’immobile occupato cinque anni fa, nel novembre del 2012, dal collettivo Làbas. Un collettivo che molto ha fatto per il quartiere, riqualificando gli spazi della caserma, abbandonata per tanti anni, con campagne di finanziamento popolari tirando su un edificio che, nel tempo, era diventato un punto di riferimento per molti residenti del quartiere e non solo.

Al suo interno il collettivo Làbas aveva creato un dormitorio sociale autogestito, "Accoglienza Degna", con 15 posti letto, realizzava tanti laboratori tra cui "Labimbi", pensato per i più piccoli, la scuola di italiano per immigrati. Ed era stata aperta una pizzeria biologica. Ogni mercoledì poi si teneva il mercato biologico di "Campi Aperti".

“E non sono mai rimasti una realtà chiusa - scrive la FLC CGIL nell’ordine del giorno di sostegno al Làbas presentato durante l’ultimo comitato direttivo nazionale - perché gli stessi attivisti hanno collaborato a molte iniziative che tante realtà bolognesi hanno costruito in questi anni, come per esempio l’attiva partecipazione alla raccolta di firme per i referendum contro la legge 107/15, proprio a fianco anche della FLC CGIL.

“Ora lo sgombero ha cancellato tutto questo - continua la FLC CGIL - manifestando un’idea di rapporti sociali e di legalità lontana dai valori e dai principi ai quali si ispira la FLC CGIL, che rischia di cancellare un’esperienza positiva che tanti lavoratori e lavoratrici in difficoltà in questi anni hanno conosciuto”.

Sabato 9 settembre 2017 Bologna formerà un grande corteo in piazza XX Settembre, a partire dalle ore 15, per riaprire Làbas. La FLC CGIL sostiene la manifestazione e sarà al fianco degli attivisti di Làbas e di altre realtà organizzate come Manituana a Torino, nelle iniziative che metteranno in campo nei prossimi giorni.