FLC CGIL
Come presentare domanda graduatorie terza fascia ATA 2021

http://www.flcgil.it/@3834355
Home » Attualità » Previdenza » Fondo Espero: la prima seduta del Consiglio di Amministrazione

Fondo Espero: la prima seduta del Consiglio di Amministrazione

Il CdA di Espero, tra le altre decisioni assunte, ha deliberato che i lavoratori della formazione professionale e delle scuole private possono iscriversi al Fondo

26/04/2007
Decrease text size Increase  text size

Un punto chiave dei fondi negoziali è la partecipazione dei soci alla vita e alle attività del Fondo. Su tale esigenza è imperniato anche il programma sul quale la FLC Cgil ha eletto i suoi delegati, confermando il primato della sua rappresentatività.
In coerenza intendiamo informare di volta in volta sulle decisioni degli organi del Fondo. Allo stesso principio sono ispirati anche i programmi degli altri partners sindacali. Ciò potrà consentire di dotare il Fondo di quelle strumentazioni e di quelle risorse più utili al raggiungimento di tale comune obiettivo.

Il Consiglio di Amministrazione del 24 maggio 2007

Nella sua prima seduta, dopo l’insediamento del 16 aprile nel quale sono stati eletti il Presidente, Prof, Mauro Paoloni eil vice Presidente Prof. Francesco Cormino, il CdA di Espero ha deliberato che i lavoratori della formazione professionale e delle scuole private non statali possono iscriversi al Fondo. La delibera segue una richiesta formale avanzata dalle rappresentanze di settore a seguito di accordo nazionale stipulato di recente.
Un’apposita commissione predisporrà le eventuali modifiche allo Statuto e alla scheda di adesione.

Nella stessa seduta il Consiglio ha varato la proposta di bilancio che verrà approvata nella Assemblea dei delegati prevista per l’inizio di giugno. Ai delegati toccherà anche deliberare sulla determinazione della quota associativa e sui compensi per consiglieri e sindaci revisori.

Per accorciare i tempi richiesti dai vari adempimenti e per definire un assetto del Fondo coerente con la nuova fase il CdA ha costituito una commissione che istruirà i lavori intorno a quattro campi di attività:
a) struttura, funzioni e uffici
b) gestione finanziaria
c) piano di sviluppo
d) adeguamenti statutari e modifica schede

Infine il CdA ha abolito la precedente delibera sui poteri di spesa ordinaria per rivederne modalità e contenuti in raccordo con la nuova fase.

Nella stessa data il Collegio dei Sindaci ha eletto il suo Presidente nella persona della dott.ssa Antonia Inguaggiato.