FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3812739
Home » Attualità » Previdenza » Dall’INPDAP le indicazioni operative per l’adesione al Fondo Espero

Dall’INPDAP le indicazioni operative per l’adesione al Fondo Espero

L’INPDAP ha emanato la nota operativa n° 11 del 25 maggio 2005 con la quale fornisce indicazioni circa le modalità di adesione ai fondi pensione, con particolare riguarda alla contestuale opzione per il TFR del personale che al momento dell’adesione si trova in regime di TFS (indennità di buonuscita).

17/06/2005
Decrease text size Increase  text size

L’INPDAP ha emanato la nota operativa n° 11 del 25 maggio 2005 con la quale fornisce indicazioni circa le modalità di adesione ai fondi pensione, con particolare riguarda alla contestuale opzione per il TFR del personale che al momento dell’adesione si trova in regime di TFS (indennità di buonuscita).

La nota, in sostanza, sistematizza tutta la materia, a partire da un’utile ricognizione delle norme che la regolano, fornendo un quadro chiaro degli adempimenti da compiere sia da parte degli interessati, sia dalle amministrazioni.
Tra le altre cose, viene sottolineata la non applicabilità dell’istituto del silenzio assenso ai dipendenti pubblici, ovviamente compresa la scuola, quasi a prevenire inutili fibrillazioni in vista della ormai prossima emanazione del decreto attuativo di questo istituto.
Opportunamente, inoltre, richiama la necessità di riscattare eventuali periodi utili ai fini del TFS prima dell’opzione per il TFR connessa all’adesione al fondo, dal momento che una volta transitati nel nuovo regime la possibilità del riscatto è preclusa.
Desta perplessità, invece, il fatto che alla nota sia allegato il modulo per l’esercizio dell’opzione TFS/TFR. È vero che le istruzioni hanno carattere generale, ma, al momento, Espero è l’unico fondo di previdenza completare operante nei comparti pubblici di pertinenza dell’ente. Il modello per l’opzione è già incluso in forma di quadro da compilare obbligatoriamente nel modello di adesione al fondo, circostanza questa che non può essere ignota all’INPDAP essendo lo stesso destinatario di una delle copie.
Il rischio è che la presenza di più modelli tra loro non coordinati generi confusione ed intralcio alle già complesse procedure amministrative connesse all’adesione.

Roma, 8 giugno 2005