FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3953547
Home » Attualità » Politica e società » I Facenti Funzione di DSGA a Montecitorio: rispetto per l’Intesa, la scuola va difesa!

I Facenti Funzione di DSGA a Montecitorio: rispetto per l’Intesa, la scuola va difesa!

Questo il grido ai deputati nel Presidio davanti alla Camera che sta deliberando in merito

20/11/2019
Decrease text size Increase  text size

Si è svolto oggi, 20 novembre, un presidio degli assistenti amministrativi facenti funzione di DSGA a Montecitorio. Una piazza piena di lavoratrici e lavoratori che da anni mandano avanti le segreterie scolastiche nel ruolo di DSGA, a volte costretti sotto minaccia di sanzione ad assumere l’incarico, anche per più di otto anni, senza un giusto riconoscimento del proprio ruolo. Con l’Intesa del 1° ottobre sottoscritta dai Sindacati e dal Ministro Fioramonti, ai lavoratori che hanno svolto la funzione di DSGA era stato garantito l’accesso al concorso riservato a prescindere dal titolo di studio.

Successivamente, nel Decreto scuola, dal concorso riservato ai facenti funzione di DSGA sono stati esclusi coloro che non possiedono la laurea. Un fatto gravissimo, che disconosce il lavoro e l’esperienza di coloro che da anni garantiscono il regolare andamento amministrativo delle istituzioni scolastiche. Come ha ben rimarcato il segretario generale, Francesco Sinopoli: “Su 8.000 scuole, 3000 sono rette da voi. La battaglia per il vostro ruolo, è una battaglia per la Scuola”.

Le lavoratrici e i lavoratori in piazza hanno richiesto a gran voce il ruolo e hanno intonato lo slogan “Rispetto per l’Intesa, la scuola va difesa”.

Poiché la manifestazione era rivolta in modo specifico ai parlamentari della Camera, impegnati nello stesso momento a votare in Commissione Cultura e Istruzione, significativo è stato l’intervento al presidio delle Onorevoli Prestipino e Grimaudo del PD e dell’Onorevole Fratoianni di LEU (mentre ha fatto pervenire il suo sostegno anche Italia Viva), con l’impegno di un lavoro emendativo al decreto che recepisca le richieste dei lavoratori.