FLC CGIL
Sottoscrizione Aiuta chi ci aiuta

http://www.flcgil.it/@3954428
Home » Attualità » Politica e società » Autonomia differenziata. La CGIL: “Il Ministro si è impegnato a non riconoscere alcuna autonomia in materia di istruzione"

Autonomia differenziata. La CGIL: “Il Ministro si è impegnato a non riconoscere alcuna autonomia in materia di istruzione"

In un comunicato stampa la Confederazione afferma che contrasterà “ogni ipotesi che metta in discussione la coesione nazionale e l’uniformità dei diritti civili e sociali in ogni territorio, a cominciare dal sistema di istruzione che deve rimanere nazionale”.

06/02/2020
Decrease text size Increase  text size

Il 5 febbraio 2020 la Cgil ha incontrato il Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie locali, Francesco Boccia, ottenendo importanti impegni in materia di autonomia differenziata.

In particolare la CGIL segnala in suo comunicato che il Ministro “si è impegnato a non riconoscere alcuna autonomia in materia di istruzione" e che “non sarà concessa autonomia sulle materie che richiedono la definizione dei Lep prima che essi siano determinati “. Inoltre “la loro definizione sarà operata dai Ministeri competenti e non da un commissario, che interverrà solo successivamente in caso di inadempienza”.

Sono impegni precisi e da valutare positivamente dal momento che il testo del disegno di legge conosciuto nulla dice sull’esclusione dell’istruzione dall’autonomia differenziata e dal momento che in tema di definizione dei LEP quel testo prevede invece l’avvio del processo di autonomia differenziata anche senza la loro preliminare determinazione.

Evidentemente quel testo va radicalmente cambiato.

La CGIL conclude affermando: “contrasteremo ogni ipotesi che metta in discussione la coesione nazionale e l’uniformità dei diritti civili e sociali in ogni territorio, a cominciare dal sistema di istruzione che deve rimanere nazionale".

Nel frattempo i Sindacati rappresentativi della Scuola Università e Ricerca hanno a loro volta richiesto un incontro specifico al Ministro Boccia riguardante autonomia e istruzione. Sarà quella la sede per entrare nel dettaglio dell’esclusione dell’istruzione, sotto ogni profilo, da qualsiasi progetto di autonomia differenziata.

Di seguito il Comunicato della CGIL

_________________

Autonomia: Cgil, positiva scelta cornice unitaria, ora risorse e garanzie sui principi
 
Roma, 6 febbraio - "Apprezziamo l'impegno del Ministro a definire una cornice unitaria per tutte le Regioni che vincoli il riconoscimento di autonomia alla definizione dei Livelli essenziali di prestazione: sono stati recepiti importanti rilievi posti dalla Cgil, ora chiediamo risorse e garanzie sui principi". È quanto dichiara la segretaria confederale della Cgil Rossana Dettori in merito all'incontro svoltosi ieri con il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, sulla proposta di legge cornice per l’applicazione dell’art. 116, terzo comma, della Costituzione.

"Non sarà concessa autonomia sulle materie che richiedono la definizione dei Lep prima che essi siano determinati - spiega la dirigente sindacale - e la loro definizione sarà operata dai Ministeri competenti e non da un commissario, che interverrà solo successivamente in caso di inadempienza. Inoltre - aggiunge - il Ministro si è impegnato a non riconoscere alcuna autonomia in materia di istruzione".

"Positiva anche la previsione di un primo stanziamento per la perequazione infrastrutturale", sostiene Dettori, che però precisa: "Riteniamo necessario che sia posto il vincolo anche sulle materie che richiedono norme nazionali di principio, che su queste sia possibile concedere autonomia solo per realizzare condizioni di miglior favore per la cittadinanza e che non sia consentito, in nessun caso, apportare deroghe in peggio".
"Occorre prevedere stanziamenti di risorse conformi a rendere esigibili i Lep, e non invece definire questi ultimi in funzione delle risorse già stanziate, e a ridurre le disuguaglianze", sottolinea la segretaria confederale.

"Chiediamo ci sia un confronto su tutti i tavoli in cui saranno definiti i Lep e le materie oggetto di decentramento e - conclude - contrasteremo ogni ipotesi che metta in discussione la coesione nazionale e l’uniformità dei diritti civili e sociali in ogni territorio, a cominciare dal sistema di istruzione che deve rimanere nazionale".