FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3953484
Home » Attualità » Politica e società » Autonomia: Cgil, bene confronto ma bozza legge non ancora sufficiente a garantire coesione e uguali diritti in tutti i territori

Autonomia: Cgil, bene confronto ma bozza legge non ancora sufficiente a garantire coesione e uguali diritti in tutti i territori

Comunicato stampa Cgil

14/11/2019
Decrease text size Increase  text size

Roma, 14 novembre - “Apprezziamo il metodo adottato dal Ministro Boccia, che ha previsto un confronto con le parti sociali, e l’impegno da lui assunto di porre come prioritaria la necessità di una cornice normativa entro cui procedere e di identificare strumenti di perequazione efficaci volti a ridurre i divari territoriali. Tuttavia, riteniamo che la bozza di legge quadro presentata non sia ancora sufficiente a rispondere alle problematiche poste dai percorsi di attuazione dell’articolo 116, terzo comma, della Costituzione, per garantire la coesione nazionale e l’esigibilità dei diritti civili e sociali fondamentali in tutti i territori”. Così la segretaria confederale della Cgil Rossana Dettori commenta l’incontro di ieri con il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Francesco Boccia.

Per la Cgil “è fondamentale che le legge preveda la definizione delle norme di principio nei cui confini possa essere esercitata l’autonomia, norme da cui far derivare i Livelli Essenziali delle Prestazioni. La determinazione di questi ultimi - sottolinea Dettori - non può essere affidata solo ad una figura commissariale, e non può limitarsi a fotografare l’esistente”. Inoltre “è indispensabile che nel provvedimento siano individuate le risorse aggiuntive necessarie a realizzare una perequazione finalizzata a ridurre gli attuali divari garantendo a tutti i diritti sociali. Se invece il processo continuerà nei limiti delle risorse già stanziate - sostiene la dirigente sindacale - il riequilibrio tra territori avverrà verso il basso anziché verso l’alto come dovrebbe”.

“Continueremo a seguire con attenzione il prosieguo del confronto tra il Ministro e le Regioni per esprimere la nostra valutazione definitiva, e auspichiamo - conclude la segretaria confederale - si possa realizzare un confronto con le parti sociali anche sui termini delle singole trattative”.