FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3900745
Home » Attualità » Pari opportunità » 8 marzo: contro la violenza sulle donne nessuno si chiami fuori

8 marzo: contro la violenza sulle donne nessuno si chiami fuori

È un delitto che nasce da inciviltà, subcultura, malinteso senso di superiorità e di forza. Deve suscitare l’indignazione di tutti, donne e uomini. Educazione e cultura, armi formidabili contro la violenza.

07/03/2013
Decrease text size Increase  text size

Nessuno si chiami fuori. Una donna violentata in Italia o in India, una donna uccisa dal partner perché la ritiene "cosa sua" sono tragedie che ci riguardano direttamente, tutti, donne e uomini. Qualunque pulsione stia dietro alla violenza sulle donne, è frutto di inciviltà, subcultura, malinteso senso di superiorità e di forza.

Costringere qualcuno, qualcuna, a fare qualcosa che non vuole è un delitto contro l'umanità. Oggi tocca alle donne, anche bambine, domani a tutti. Finché ci sarà qualcuno che pensa di poter disporre di un altro a proprio piacimento, singolo o gruppo che sia, siamo tutti in pericolo. E finché penseremo che può accadere solo agli altri, saremo complici.

Nessuno si chiami fuori. È questo il senso dell'appello che le donne della FLC CGIL rivolgono a tutti, soprattutto agli uomini. Indignatevi anche voi!

La violenza è trasversale, non sempre è figlia della povertà e dell'emarginazione. Sempre è figlia dell'arroganza, dell'ottusità, della prepotenza. Il più delle volte dell'impotenza e della frustrazione nascoste dietro la forza del gruppo.

L'educazione, il rispetto degli altri e di tutte le diversità, la reciprocità e il riconoscimento dell'altro sono elementi fondamentali per combattere la violenza. E questo comporta, sul piano sociale, che le donne anche sul lavoro abbiano pari opportunità. Cosa difficile finché il lavoro di cura sarà sempre e solo sulle loro spalle. Le donne non devono più tappare con il loro lavoro gratuito i tagli al welfare state e alla spesa sociale.

Uguali, diversi, con pari opportunità. Parole chiave non solo dell'8 marzo ma di tutti i giorni e per sempre.