FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

http://www.flcgil.it/@3964427
Home » Attualità » Nel ricordo di Tullio De Mauro. La cultura e l’insegnamento come testimonianza di impegno civile. L’importanza della diffusione della lingua italiana per una nuova cittadinanza

Nel ricordo di Tullio De Mauro. La cultura e l’insegnamento come testimonianza di impegno civile. L’importanza della diffusione della lingua italiana per una nuova cittadinanza

Parteciperanno il Segretario generale Cgil Maurizio Landini e il Segretario generale FLC CGIL Francesco Sinopoli.

11/03/2022
Decrease text size Increase  text size

L’Associazione Proteo Fare Sapere e l’Accademia della Crusca organizzano l’incontro “Nel ricordo di Tullio De Mauro. La cultura e l’insegnamento come testimonianza di impegno civile. L’importanza della diffusione della lingua italiana per una nuova cittadinanza”. L’iniziativa si terrà il 14 marzo 2022 a Firenze, dalle ore 9.30 alle 13.30, presso l’Accademia della Crusca, Villa Medicea di Castello, Via di Castello, 46. 
L’incontro sarà trasmesso in diretta sui canali dell’Accademia della Crusca e della CGIL.

Locandina dell’evento

Una giornata di studio, riflessione e dibattito con la partecipazione di 

Claudio Marazzini, Presidente Accademia della Crusca 
Dario Missaglia, Presidente Proteo Fare Sapere 
Rita Librandi, Responsabile Crusca-Scuola 
Gennaro Lopez, Cts Proteo Fare Sapere 
Andrea Ranieri, Cts Proteo Fare Sapere 
Fulvio Fammoni, Presidente Fondazione Di Vittorio 
Francesco Sinopoli, Segretario generale FLC CGIL
Tommaso Biancuzzi, Coordinatore Rete studenti medi.

Intervento conclusivo di Maurizio Landini, Segretario generale Cgil.

Nel corso dell’iniziativa sarà presentato il progetto della banca dati testuale «Primo tesoro della lingua letteraria italiana del novecento» realizzato in collaborazione con la Fondazione Goffredo e Maria Bellonci Onlus di Roma. 
Saranno presenti il Presidente della Fondazione Bellonci Prof. Giovanni Solimine, il Direttore Stefano Petrocchi, la Prof.ssa Valeria Della Valle, la Prof.ssa Silvana Ferreri.