FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3884545
Home » Attualità » Manovra: CGIL, i dieci motivi per cui si sciopera nel pubblico impiego

Manovra: CGIL, i dieci motivi per cui si sciopera nel pubblico impiego

Michele Gentile, responsabile settori pubblici della CGIL nazionale, illustra in sintesi le dieci principali ragioni dello sciopero generale indetto dalla confederazione per martedì 6 settembre.

02/09/2011
Decrease text size Increase  text size

Da www.cgil.it

La Confederazione nel sottolineare le "pesantissime ricadute, dirette e indirette" della manovra sui lavoratori pubblici a tutti i livelli, denuncia "l'accanimento del Governo sul lavoro pubblico e su tutto ciò che è pubblico e che rappresenta il sistema delle regole sulle quali si basa l'unità del paese ed il suo futuro in termini di coesione sociale".

"Anche la manovra (in tutte le sue versioni anche emendate) in discussione al Senato, dopo le 3 precedenti, continua a prendere di mira in modo particolare i lavoratori di tutti i settori pubblici. L'intento vendicativo nei confronti del lavoro pubblico non si giustifica neppure con i risparmi che - a conti fatti - risultano inesistenti o assolutamente irrisori, quindi nulla hanno a che fare con un provvedimento di urgenza per la stabilizzazione dei conti pubblici". Lo afferma Michele Gentile, responsabile settori pubblici della CGIL nazionale.

Secondo Gentile, "se l'effetto finanziario delle manovre sarà vicino allo zero, continueranno ad essere pesantissime le ricadute dirette e indirette sui lavoratori pubblici a tutti i livelli".

Quello che è evidente, avverte il dirigente sindacale è "l'accanimento del Governo sul lavoro pubblico e su tutto ciò che è pubblico e che rappresenta il sistema delle regole sulle quali si basa l'unità del paese ed il suo futuro in termini di coesione sociale".

Ecco in sintesi le dieci principali ragioni dello sciopero generale indetto dalla confederazione per martedì 6 settembre.

  1. Il risultato finale sarà che i dipendenti pubblici dovranno aspettare sette anni per i rinnovi dei contratti.
  2. Il blocco della contrattazione sarà valido per il 2011, 2012, 2013 e 2014.
  3. In questo arco di tempo sono bloccate tutte le carriere.
  4. Il famoso contributo di solidarietà continua a valere solo per i pubblici.
  5. Le tredicesime saranno spalmate sui prossimi tre anni se non si realizzeranno i tagli previsti per i vari ministeri.
  6. È previsto uno slittamento delle liquidazioni da 6 mesi a 2 anni.
  7. Le finestre mobili per il pensionamento producono un vero caos, soprattutto nella scuola dove non si riusciranno a rendere applicabili le esigenze di turn over.
  8. Prevista la mobilità obbligatoria (all'interno della Regione) per tutti i dipendenti pubblici. Una mobilità che verrà applicata senza alcuna regola o criterio e che sarà effettuata a prescindere dai rinnovi contrattuali (che sono bloccati - punto uno).
  9. È previsto un potente taglio degli organici (ma non dei dirigenti di nomina politica).
  10. Viene avviata una nuova grande fase di spoil system che sconquasserà ulteriormente l'organizzazione produttiva del pubblico.

"La mobilitazione della CGIL - spiega Gentile - ha determinato la cancellazione del gravissimo ed illegittimo intervento che manometteva il sistema pensionistico. Con lo sciopero - conclude - dobbiamo far cancellare le altre norme contro il lavoro pubblico".