FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3898896
Home » Attualità » L'addio a Rita Levi Montalcini: ricordiamola con alcune sue frasi

L'addio a Rita Levi Montalcini: ricordiamola con alcune sue frasi

Premio Nobel per la medicina nel 1986, Rita Levi Montalcini è deceduta ieri 30 dicembre 2012.

31/12/2012
Decrease text size Increase  text size
Ho un'intelligenza mediocre. Il mio solo merito è l'impegno.
**********
Dico ai giovani: non pensate a voi stessi, pensate agli altri. Pensate al futuro che vi aspetta, pensate a quello che potete fare, e non temete niente.
**********
Ai giovani auguro la stessa fortuna che mi ha condotto a disinteressarmi della mia persona, ma di avere sempre una grande attenzione nei confronti di tutto ciò che mi circonda, a tutto quanto il mondo della scienza, senza trascurare i valori della società.
**********
Il male assoluto del nostro tempo è di non credere nei valori. Non ha importanza che siano religiosi oppure laici. I giovani devono credere in qualcosa di positivo e la vita merita di essere vissuta solo se crediamo nei valori, perché questi rimangono anche dopo la nostra morte.
**********
Il futuro del pianeta dipende dalla possibilità di dare a tutte le donne l'accesso all'istruzione e alla leadership. È alle donne, infatti, che spetta il compito più arduo, ma più costruttivo, di inventare e gestire la pace.
**********
Le Donne che hanno cambiato il mondo, non hanno mai avuto bisogno di “mostrare” nulla, se non la loro intelligenza.
**********
Tutti dicono che il cervello sia l'organo più complesso del corpo umano, da medico potrei anche acconsentire. Ma come donna vi assicuro che non vi è niente di più complesso del cuore, ancora oggi non si conoscono i suoi meccanismi. Nei ragionamenti del cervello c'è logica, nei ragionamenti del cuore ci sono le emozioni.
**********
Rare sono le persone che usano la mente. Poche coloro che usano il cuore e uniche coloro che usano entrambi.
**********
Ho perso un po' la vista, molto l'udito. Alle conferenze non vedo le proiezioni e non sento bene. Ma penso più adesso di quando avevo vent'anni. Il corpo faccia quello che vuole. Io non sono il corpo: io sono la mente.
**********
Quando muore il corpo sopravvive quello che hai fatto, il messaggio che hai dato.
**********
Nella vita non bisogna mai rassegnarsi, arrendersi alla mediocrità, bensì uscire da quella “zona grigia” in cui tutto è abitudine e rassegnazione passiva, bisogna coltivare il coraggio di ribellarsi.
**********
Ho sempre destinato le mie modeste risorse a favore, non soltanto delle persone bisognose, ma anche per sostenere cause sociali di prioritaria importanza.
**********
Non esistono le razze. Esistono i razzisti.
**********
Posso dire che l’unico ideale per cui ho lavorato è stato quello di aiutare gli altri e forse per questo la ricerca mi ha dato molto di più di quanto potessi sperare.
**********
Malgrado l’età io non vivo nel passato, ma nel futuro!
**********
Meglio aggiungere vita ai giorni che non giorni alla vita.
**********
Nel momento in cui smetti di lavorare sei morto.
**********