FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3884890
Home » Attualità » "Impatto della crisi economica su Università e Ricerca in Europa", se ne discute a Roma

"Impatto della crisi economica su Università e Ricerca in Europa", se ne discute a Roma

Il 25 e 26 ottobre 2011 la FLC CGIL e altri sette sindacati europei si confronteranno con l'obiettivo di elaborare proposte ed azioni comuni

21/10/2011
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Rispetto al resto d'Europa, la situazione del nostro Paese nel campo dell'Università e della Ricerca è purtroppo la peggiore.

Siamo al punto che il finanziamento di alcuni grandi progetti di ricerca viene operato distraendo risorse fondamentali per l'ordinaria attività degli enti e delle università. E questo accade dopo anni di tagli radicali e consistenti che sono seguiti ad un lungo periodo di investimenti ben al di sotto delle necessità.

Nonostante questa drammatica situazione le performance dei nostri ricercatori, come dimostrano tutti gli indicatori internazionali, ancora oggi migliorano rispetto a quelle dei ricercatori dei paesi occidentali che investono ben più di noi in questo fondamentale settore.

Tuttavia, come ben sappiamo, al crollo degli investimenti in ricerca si è aggiunto il blocco sostanziale del turn over e quindi l'impossibilità di avviare quel ricambio generazione essenziale per produrre ricerca di sempre maggiore qualità. Questo significa che nei prossimi anni sarà impossibile mantenere i nostri attuali standard di produttività scientifica che si reggono anche sul lavoro di moltissimi precari.

Il 25 e il 26 ottobre 2011 a Roma, e su iniziativa della FLC CGIL, 7 sindacati europei si incontreranno e si confronteranno con l'obiettivo di elaborare proposte ed azioni comuni in un Manifesto dell'Università e della Ricerca, "Il Manifesto di Roma", da pubblicizzare presso le Istituzioni nazionali ed europee e da sottoscrivere on-line, in previsione di una grande iniziativa comune nell'ambito di una condivisione duratura del nostro agire. Vai alla web-cronaca (prima giornata e seconda giornata).

Si vuole così rispondere, in modo concreto e propositivo, agli effetti di una crisi che va combattuta, insieme e con obiettivi comuni, investendo nell'istruzione e nella formazione, come dice la Comunità europea.

Partecipano come rappresentanza europea:
Pierre Mairesse
Direttore DG Educazione
Martin Rømer
Direttore europeo CSEE/ETUCE
La Federazione Europea dei Datori di Lavoro dell'Educazione EFEE/FEEE/FEDLE

In allegato il programma dell'incontro in italiano, francese, inglese.
La sede dove si terrà dell'incontro è il Centro Congressi di Via Curtatone, 7 (ISPRA) - Roma.
Prevista la traduzione simultanea italiano/francese/inglese.