FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3957076
Home » Attualità » Fondi europei 2014–2020 » Programmi operativi nazionali » PON “Per la scuola” » PON Per la Scuola: pubblicato l’avviso per la scuola secondaria finalizzato all’acquisto di supporti, libri e kit didattici

PON Per la Scuola: pubblicato l’avviso per la scuola secondaria finalizzato all’acquisto di supporti, libri e kit didattici

Le risorse, pari a 236 milioni di euro, potevano essere utilizzate per assunzioni di personale della scuola. Una scelta davvero inspiegabile.

10/07/2020
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Con una scelta che ha pochi precedenti, l'autorità di gestione del Programma Operativo Nazionale “Per la scuola – Competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020, ha emanato l’avviso 19146 del 6 luglio 2020 che prevede l’utilizzo di risorse del Fondo Sociale Europeo (FSE), solitamente e istituzionalmente destinate alla realizzazione di attività formative, per l’acquisto di “supporti, libri e kit didattici, anche da concedere in comodato d’uso, a favore di studentesse e studenti in difficoltà garantendo pari opportunità e diritto allo studio.”

Questo avviene nonostante che

  • per l’acquisto di questi materiali è normalmente utilizzato il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR)
  • sono stati pubblicati ben tre avvisi per l’acquisto di dispositivi digitali per la didattica a distanza
  • potevano essere utilizzate ulteriori risorse del FESR per l’acquisto di kit didattici
  • a seguito delle norme sulla riprogrammazione dei Fondi Strutturali e di Investimento Europei è possibile assumere personale pubblico e quindi anche docenti e ata nella scuola statale.

A fronte della necessità di ripartire con le attività didattiche in presenza e di valorizzazione l’attività di insegnamento innanzitutto nella sua dimensione relazionale, il messaggio veicolato dall’avviso che, ribadiamo, utilizza il FSE, è davvero significativo: l’insegnamento con uno più docenti in carne ed ossa è equivalente all’acquisto di kit didattici.

Come FLC CGIL ribadiamo la richiesta di riprogrammare le risorse dei fondi europei 2014-2020 già disponibili, finalizzandoli anche all’assunzione di personale pubblico nella scuola, superando l’ostinata opposizione del Ministero dell’Economia.

I contenuti dell’Avviso

Inquadramento dell’Avviso

L'Avviso rientra negli interventi dell'ASSE I "Istruzione" del Programma Operativo Nazionale “Per la scuola – Competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020, finanziati dal FSE (Fondo Sociale Europeo) e del relativo del Programma Operativo Complementare (POC) “Per la scuola”. Il POC, alimentato dalle risorse dei Fondi di rotazione che garantiscono il cofinanziamento nazionale ai Programma Operativi nazionali e Regionali, condivide con il PON lo stesso sistema informativo e le principali modalità di gestione e controllo. 

Di seguito lo schema sintetico della tipologia di attività finanziate

PRIORITA’
D’INVESTIMENTO

OBIETTIVO SPECIFICO

AZIONE

Sotto - Azione posta a bando
(progetto)

Tipo di intervento (modulo)

10.i-Ridurre e prevenire l'abbandono scolastico precoce e promuovere la parità di accesso all'istruzione prescolare, primaria e secondaria di elevata qualità, inclusi i percorsi di istruzione (formale, non formale e informale) che consentano di riprendere percorsi di istruzione e formazione.

10.2 Miglioramento delle competenze chiave degli allievi (FSE)

Azione 10.2.2 Azioni di

integrazione e potenziamento delle aree disciplinari di base (lingua italiana, lingue straniere, matematica, scienze, nuove tecnologie e nuovi linguaggi, ecc.) con particolare riferimento al primo ciclo e al secondo ciclo e anche tramite percorsi on-line

10.2.2A - Competenze di base

Acquisizione supporti didattici disciplinari

Finalità dell’avviso

L’Avviso offre alle istituzioni scolastiche secondarie di I e II grado la possibilità di acquistare supporti, libri e kit didattici, anche da concedere in comodato d’uso, a favore di studentesse e studenti in difficoltà garantendo pari opportunità e diritto allo studio.

Contenuti delle proposte progettuali

Gli interventi devono essere destinati all’acquisizione di supporti, libri e kit didattici, anche da concedere in comodato d’uso, a favore di studentesse e studenti che ne abbiano necessità. Di seguito un elenco non esaustivo di supporti didattici disciplinari acquistabili

  • libri di testo, cartacei e/o digitali
  • vocabolari
  • dizionari
  • libri o audiolibri di narrativa consigliati dalle scuole, anche in lingua straniera
  • materiali specifici finalizzati alla didattica che sostituiscono o affiancano il libro di testo per gli studenti con disturbi specifici di apprendimento (DSA) o con altri bisogni educativi speciali (BES).

Beneficiari

Sono ammesse a partecipare all’Avviso

  • le istituzioni scolastiche statali secondarie di primo e di secondo grado
  • le scuole paritarie secondarie di primo e di secondo grado di cui alla legge 10 marzo 2000, n. 62, che svolgono un servizio pubblico a titolo gratuito o a fronte di una remunerazione che copra solo una frazione del costo reale (c.d. scuole paritarie che svolgono il servizio in modalità non commerciale), sulla base di quanto precisato e chiarito dalla Commissione europea.

Riguardo alle scuole paritarie, l’avviso ricorda che

  • per modalità non commerciali si intendono le modalità di svolgimento dell’attività istituzionale senza scopo di lucro
  • il riconoscimento della scuola paritaria come non commerciale deve essere stato acquisito in data antecedente alla scadenza dell’avviso e verificato dagli Uffici scolastici regionali di competenza
  • devono essere presenti nell’anagrafica del sistema informativo SIDI.

Le istituzioni scolastiche statali e paritarie non commerciali possono presentare una sola candidatura. Gli istituti omnicomprensivi statali, i convitti e gli educandati nazionali possono presentare una candidatura per ciascun ciclo di istruzione.

Le istituzioni scolastiche devono essere ubicate nelle seguenti regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria, Veneto.

Procedura, modalità e termini di presentazione dei progetti

Le scuole che intendono partecipare all’avviso devono

1) predisporre un Progetto, che deve essere approvato dagli Organi collegiali,

2) inserire il progetto nonché i dati e i documenti necessari sul Sistema informativo di gestione della programmazione unitaria (GPU). L’area del sistema Informativo predisposta alla presentazione delle proposte resterà aperta dalle ore 10.00 del giorno 13 luglio 2020 alle ore 15.00 del giorno 23 luglio 2020.

3) trasmettere la candidatura firmata digitalmente dal Dirigente scolastico (Coordinatore per le scuole paritarie non commerciali) o, su sua delega, dal DSGA, completo di tutte le dichiarazioni, sulla piattaforma finanziaria “Sistema Informativo Fondi (SIF) 2020”. L’area del SIF resterà aperta dalle ore 10.00 del giorno 13 luglio 2020 alle ore 15.00 del giorno 23 luglio 2020. Entro tale arco temporale è necessario

  • scaricare una copia della proposta progettuale inoltrata attraverso il sistema informativo;
  • firmare digitalmente la proposta progettuale senza apportare a quest’ultima alcuna modifica. Il file deve essere esclusivamente in formato .pdf o .pdf.p7m.;
  • allegare la proposta progettuale firmata digitalmente sul “sistema finanziario” secondo la seguente procedura:
    • selezionare il link “Gestione Finanziaria” presente alla pagina http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/istruzione/pon/2014_2020, utilizzando le credenziali SIDI e accedendo al menù “servizi”  del SIDI;
    • accedere all’area “Gestione Finanziario-Contabile” e all’applicazione “Sistema Informativo Fondi (SIF) 2020;
    • dal menù funzioni è disponibile, sotto la voce “Candidature” la funzione “Trasmissione candidature firmate”;
    • in fase di trasmissione, superati i controlli di validità del file, il progetto sarà protocollato;
    • dalla stessa funzionalità la scuola può visualizzare il codice di protocollo assegnato e la relativa data.

Per ogni Istituzione scolastica statale sono abilitati, in automatico dal SIDI, sia il Dirigente scolastico che il Direttore dei servizi generali e amministrativi, che selezionando il link “Gestione degli interventi” e utilizzando le credenziali con cui accedono a tutti i servizi informatici del MIUR, ai fini del login al Sistema GPU, sono riconosciuti dal Sistema e possono procedere alla compilazione della scheda anagrafica individuale, propedeutica a qualsiasi altra successiva attività.

Il Coordinatore delle attività educative e didattiche e il DSGA delle scuole paritarie non commerciali invece dovranno preliminarmente registrarsi sul SIDI al seguente link https://www.miur.gov.it/web/guest/sidi-richiesta-utenze-scuole-non-statali e, successivamente, accreditarsi sul sistema GPU.

Ammissibilità delle proposte progettuali

Sono ammissibili le sole proposte progettuali che

  • provengano dalle Istituzioni scolastiche ed educative statali o paritarie non commerciali, ubicate nelle Regioni sopra elencate
  • siano presentate nel rispetto dei termini previsti dall’Avviso (fa fede l’inoltro on line)
  • presentino il formulario on line compilato in ciascuna sezione
  • non superino l’importo massimo stabilito per il Progetto
  • provengano da Istituzioni scolastiche il cui conto consuntivo relativo all’ultima annualità sia stato approvato dal Consiglio di Istituto per le scuole statali o organi analoghi per le scuole paritarie. Per le scuole statali, in caso di mancata approvazione del conto consuntivo relativo all’anno 2019, il riferimento va inteso all’ultimo anno di esercizio utile e, quindi, all’anno 2018
  • per le scuole paritarie, presenza della dichiarazione relativa allo status di scuola paritaria non commerciale, il cui modello è scaricabile dalla piattaforma GPU.

Criteri di selezione

Le proposte considerate ammissibili sono selezionate sulla base dei seguenti criteri di valutazione

  1. scuola secondaria di primo grado

Criteri

Punteggio max

  1. livello di disagio negli apprendimenti sulla base dei dati delle rilevazioni integrative condotte dall’INVALSI

20

3) tasso di deprivazione territoriale, rilevato dall’ISTAT

40

4) status socio-economico e culturale della famiglia di origine

40

TOTALE

100

b) scuola secondaria di secondo grado

Criteri

Punteggio max

  1. livello di disagio negli apprendimenti sulla base dei dati delle rilevazioni integrative condotte dall’INVALSI

20

  1. tasso di abbandono registrato nella scuola proponente nel corso dell’anno scolastico, sulla base dei dati disponibili nell’Anagrafe degli studenti

20

3) tasso di deprivazione territoriale, rilevato dall’ISTAT

30

4) status socio-economico e culturale della famiglia di origine

30

TOTALE

100

I punteggi verranno assegnati automaticamente da funzioni appositamente sviluppate all’interno del sistema informativo. Non sono previsti punteggi minimi di accesso.

Successivamente saranno definite graduatorie regionali, suddivise per le scuole secondarie di primo e di secondo grado.

Risorse finanziarie

Le risorse provengono dal Programma Operativo Nazionale “Per la scuola – Competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020, finanziati dal FSE (Fondo Sociale Europeo) e del relativo del Programma Operativo Complementare (POC) “Per la scuola” e sono pari a circa 236 milioni di euro.

Finanziamenti

Secondaria di I grado

L’importo complessivo del progetto non può superare la somma di euro 100.000,00 e sarà calcolato in automatico dal sistema informativo.

Secondaria di II grado

L’importo complessivo del progetto non può superare la somma di euro 120.000,00 e sarà calcolato in automatico dal sistema informativo.

i progetti saranno certificati e rendicontati a costi reali in relazione alle seguenti voci di costo.

Voci di costo

Percentuali

previste

A. Spese organizzative e gestionali

10%

B. Servizi e Forniture (Acquisizione di supporti didattici)

85%

C. Pubblicità

5%

Si può ridurre l’importo di una o più voci di costo solo a vantaggio della voce Servizi e Forniture. È, inoltre, possibile azzerare completamente il valore di tutte le spese generali a favore della voce di costo B.

Convenzioni di finanziamento per le scuole paritarie non commerciali

  • Con le scuole paritarie non commerciali ammesse al finanziamento, il Ministero stipulerà un’apposita convenzione che disciplina le modalità di realizzazione del progetto, i diritti e gli obblighi
  • le scuole paritarie non commerciali che risulteranno beneficiarie del finanziamento, per perfezionare la Convenzione di finanziamento, devono presentare apposita fideiussione bancaria o polizza fideiussoria assicurativa, per un importo pari alla quota di risorse erogate a titolo di anticipazione (30% del finanziamento complessivo)
  • La fideiussione dovrà valere fino al ventiquattresimo mese successivo alla data di conclusione del progetto e comunque fino alla dichiarazione di svincolo da parte del Ministero
  • La fideiussione dovrà essere corredata da una dichiarazione sostitutiva, rilasciata dal soggetto firmatario del titolo di garanzia attestante l’identità, la qualifica e i poteri di rappresentanza del firmatario della polizza medesima. La dichiarazione dovrà essere accompagnata da copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del dichiarante in corso di validità. In alternativa, la fideiussione dovrà essere corredata da autentica notarile circa la qualifica, i poteri e l’identità del soggetto firmatario del titolo di garanzia.
  • La garanzia dovrà inoltre prevedere espressamente
    • la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale
    • la rinuncia all’eccezione di cui all’art. 1957, comma 2, del codice civile
    • la sua operatività entro 15 giorni a semplice richiesta scritta.