FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3959557
Home » Attualità » Fondi europei 2014–2020 » Programmi operativi nazionali » PON “Per la scuola” » PON e POC “Per la Scuola”: ancora proroghe per emergenza da COVID 19

PON e POC “Per la Scuola”: ancora proroghe per emergenza da COVID 19

Senza un reale supporto per la realizzazione delle attività, molte scuole rischiano di non chiudere i progetti.

30/11/2020
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

L'autorità di gestione (AdG) del Programma Operativo Nazionale “Per la scuola – Competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020 con nota 33912 e nota 33914 del 26 novembre ha disposto proroghe e modifiche delle note autorizzative relative a numerosi avvisi del Programma Operativo Nazionale e del Programma Operativo Complementare (POC) “Per la scuola”.

In particolare con nota 33912/20 in considerazione del perdurare dello stato di emergenza sanitaria da Covid-19 e delle misure restrittive adottate dal Governo, che hanno disposto la sospensione delle attività didattiche in alcuni gradi di istruzione, dei viaggi di istruzione, delle visite e delle uscite didattiche, l’AdG comunica la proroga d’ufficio al 31 agosto 2021 per i progetti per i quali è attualmente previsto, quale termine per il completamento delle attività formative il 19 dicembre 2020 (Nota 11951/20).

La proroga riguarda i seguenti avvisi

·       Inclusione sociale e lotta al disagio: nota 10862/2016

·       Competenze di base: nota 1953/2017

·       Formazione adulti: nota 2165/2017

·       Pensiero computazionale e cittadinanza digitale: nota 2669/17

·       Orientamento formativo e riorientamento: nota 2999/2017

·       Cittadinanza globale: nota 3340/2017

·       Cittadinanza europea: nota 3504/2017

·       Alternanza scuola lavoro: nota 3781/2017

·       Patrimonio culturale, artistico e paesaggistico: nota 4427/2017

·       Sport di classe: nota 1047/2018

Attenzione: saranno revocati d’ufficio i progetti, ad esclusione di quelli relativi all’avviso 2669/2017 (Pensiero computazionale e cittadinanza digitale), per i quali, alla data del 19 dicembre 2020, non risultino avviate le attività formative.

La nuova data di chiusura sarà aggiornata automaticamente dal sistema. Successivamente, le istituzioni scolastiche dovranno ricalendarizzare le attività progettuali in relazione alla nuova data conclusiva.

L’AdG con nota 33914 del 26 novembre 2020, in considerazione delle difficoltà derivanti dal perdurare del periodo emergenziale Covid-19, ha disposto una serie di modifiche alle note autorizzative di alcuni avvisi, eliminando i paragrafi indicati nella seguente tabella

Avvisi PON “Per la Scuola”

Paragrafo eliminato

Avviso PON 4294/2017

(Integrazione e accoglienza)

“L’Autorità di Gestione si riserva la possibilità di revocare d’ufficio i progetti per i quali non sia stata completata la scheda iniziale con i dati richiesti (CUP progetto, iscrizione a bilancio, data prevista per primo contratto figure di progetto) entro 90 giorni dalla data di autorizzazione.”

Avviso PON 4395/2018

(Inclusione 2)

“L’Autorità di Gestione si riserva la possibilità di revocare d’ufficio i progetti per i quali non sia stata completata la scheda iniziale con i dati richiesti (CUP progetto, iscrizione a bilancio, data prevista per primo contratto figure di progetto) entro 90 giorni dalla data di autorizzazione.”

Avviso PON 10028/2018

(Adulti 2)

“L’Autorità di Gestione si riserva la possibilità di revocare d’ufficio i progetti per i quali non sia stata completata la scheda iniziale con i dati richiesti (CUP progetto, iscrizione a bilancio, data prevista per primo contratto figure di progetto) entro 90 giorni dalla data di autorizzazione.”

La scadenza per la chiusura dei progetti autorizzati è spostata al 30 settembre 2022 (in precedenza 30 novembre 2020).

Le prescrizioni indicate nella nota 28851 del 30 settembre 2020 sono superate.

Ricordiamo che le continue proroghe per la chiusura dei progetti autorizzati, peraltro ampiamente previste, rischiano di non avere alcun effetto se le scuole non saranno effettivamente supportate nella realizzazione delle azioni e delle attività connesse. Non è certamente rimandando le scadenze che le scuole riusciranno a chiudere i progetti.