FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3958533
Home » Attualità » Europa e Mondo » YOUR TURN! Il rinnovamento nei sindacati europei dell'istruzione: conferenza finale del progetto ETUCE realizzato dalla FLC CGIL

YOUR TURN! Il rinnovamento nei sindacati europei dell'istruzione: conferenza finale del progetto ETUCE realizzato dalla FLC CGIL

Un importante momento di dibattito tra i sindacati europeo dell’istruzione.

30/09/2020
Decrease text size Increase  text size

Il 23 e il 24 settembre 2020 si è tenuta, su piattaforma digitale, la conferenza finale di ‘YOUR TURN, Teachers for Trade Union Renewal’, un progetto biennale finanziato dalla Commissione Europea, dove la FLC CGIL, insieme all’ETUCE, l’organizzazione sindacale europea di categoria dell’Education, dell’Istruzione ha discusso di rinnovamento sindacale insieme ad alcuni tra i maggiori sindacati europei, come la GEW tedesca, la FE.CC.OO spagnola, la UCU inglese, la ZNP polacca, fino alla EEPU estone e la AOb olandese.

Il progetto biennale, ha visto la partecipazione durante il suo svolgimento di centinaia di attivisti e dirigenti dei vari sindacati d’Europa, dalla prima conferenza a Bruxelles, ai tre workshops di Roma, Berlino e Amsterdam.

Howard Stevenson, dell’Università di Nottingham e Jelle Visser, dell’Università di Amsterdam hanno, affrontato il tema delle sfide e delle strategie possibili e necessarie per il rinnovamento dei sindacati dell'istruzione e i rappresentanti di DLF - Danimarca, FENPROF - Portogallo e PSZ-SEH - Ungheria hanno rappresentato i rispettivi casi nazionali, incentrando i loro interventi sulle procedure di liberalizzazione, sulla deregulation del mercato del lavoro e sulle influenze dei trend demografici.

La parte centrale della conferenza è stata dedicata all’Action Plan on Trade Union Renewal and Organising, il Piano d’Azione sul rinnovamento e le strategie organizzative dei sindacati, presentato da Paola Cammilli, Coordinatrice europea del progetto, articolato in cinque diversi temi: i lavoratori sotto rappresentati, la comunità, il luogo di lavoro, le idee e le questioni professionali.

Si è poi passati a una Tavola rotonda virtuale delle organizzazioni membri di ETUCE: ‘Come mettere in atto il piano (d'azione) attraverso un lavoro congiunto rafforzato a livello europeo? Come tracciare migliori collegamenti tra il lavoro nazionale ed europeo sul rinnovamento e l'organizzazione sindacale?’, con gli interventi di Jelmer Evers - AOb, Dorota Obidniak - ZNP, Reemo Voltri - EEPU, Graziamaria Pistorino - FLC CGIL, Michael MacNeil - UCU, Francisco García Suarez - FECCOO, Marlis Tepe - GEW/EI.

Graziamaria Pistorino, Segretaria Nazionale FLC CGIL con delega alle politiche internazionali è intervenuta per portare l’esperienza italiana (in calce la traduzione italiana del suo intervento).

La parte della conferenza che ha sottolineato l’importanza dell’impegno internazionale dei sindacati dell’istruzione è stata la contemporanea presenza dei sette segretari generali nazionali, che hanno descritto le difficoltà, le sfide, le pratiche e gli obiettivi delle rispettive organizzazioni sindacali, soprattutto in questo complicato momento storico.

A questo link il video relativo all’intervento di Francesco Sinopoli, Segretario Generale nazionale FLC CGIL.

Infine, con gli interventi della NEU inglese, la CMOS-PS ceca e la UEN norvegese, è stata affrontata la complessa gestione della situazione causata dal COVID 19. È stata rilevata qui una inaspettata crescita delle adesioni al sindacato, che evidentemente viene individuato come reale garante dei nuovi bisogni individuali e collettivi, immediati e cogenti, come soggetto in grado di fornire risposte adeguata e rappresentanza idonea.

A questo link tutte le informazioni e i materiali prodotti, tra cui un fondamentale Research Report e un manuale.

_____________________

Realizzare il cambiamento, Graziamaria Pistorino    

La FLC CGIL è consapevole del fatto che tocca a noi realizzare il cambiamento, a noi sindacalisti, soprattutto nei settori dell’istruzione.

Le organizzazioni sindacali, in quanto rappresentanti dei lavoratori, di coloro che sostengono concretamente la tenuta reale delle economie e delle democrazie europee e globali, devono sentire la responsabilità di impegnarsi per modificare l’attuale assetto neoliberale che domina i rapporti economici, politici e sociali. E, in particolare le organizzazioni dei lavoratori dell’istruzione devono comprendere che dai processi di formazione culturale e sociale che sono affidati all’istruzione parte il cambiamento delle mentalità e della cultura delle giovani generazioni.

È necessario costruire importanti sinergie tra le nostre organizzazioni per dare forza a rivendicazioni comuni: più finanziamenti all’istruzione, impegni di spesa minimi garantiti in tutti i paesi, perché si possano rivendicare linee comuni di intervento e offrire a tutti gli studenti d’Europa un elevato sistema di istruzione, non solo per finalità occupazionali, ma anche e soprattutto per la costruzione di un nuovo umanesimo, affinché per ciascuno e per tutti si realizzi una possibilità di crescita personale e di partecipazione politica, nel senso più alto del termine, quel senso ateniese che appartiene alle nostre comuni radici culturali.

I ragazzi di Fridays for Future, la giovane Greta, ci hanno dimostrato che è possibile; la storia centenaria delle nostre organizzazioni sindacali ci racconta la stessa possibilità: solo a partire da una determinata, cocciuta volontà di cambiare le cose, a partire dalle più piccole, è possibile realizzare cambiamenti che muovono la storia e determinano passaggi epocali.

È possibile! Ma sono necessari strumenti adeguati e condivisi, spazi di elaborazione politico-sindacale, luoghi di incontro e di rivendicazione formalizzati da utilizzare per la costruzione di vere battaglie sindacali europee, insomma predisporre l’organizzazione adeguata a realizzare un autentico rinnovamento dell’azione sindacale congiunta a livello europeo.

Continuiamo a lavorare insieme con determinazione, facendo quadrato e affrontando con consapevolezza le nostre responsabilità, certi che insieme sapremo realizzare il cambiamento! 

Tag: etuce/csee