FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3952221
Home » Attualità » Europa e Mondo » Bangkok, VIII Congresso mondiale IE: l’intervento di Kailash Satyarthi, premio Nobel per la pace

Bangkok, VIII Congresso mondiale IE: l’intervento di Kailash Satyarthi, premio Nobel per la pace

Satyarthi è stato insignito del premio Nobel per la pace nel 2014 per la sua lotta contro il lavoro minorile e da decenni sostiene EI e la sua lotta per l'accesso a un'istruzione di qualità.

25/07/2019
Decrease text size Increase  text size

VIII Congresso IE 9-2Il premio Nobel per la pace Kailash Satyarthi ha fatto nascere una speranza di cambiamento tra i delegati al Congresso mondiale EI con il suo discorso su leadership, il cambiamento e la giustizia.

Da sempre alleato degli educatori, e ben noto ai delegati che partecipano al Congresso mondiale dell'educazione internazionale (EI) a Bangkok, Kailash Satyarthi ha iniziato il suo discorso al Congresso con una metafora. "Questa stanza è piena di fuoco e luce, perché siete il simbolo delle scintille e dell’accensione", ha detto ai 1.400 delegati che lo hanno ascoltato.

Satyarthi è stato insignito del premio Nobel per la pace nel 2014 per la sua lotta contro il lavoro minorile e da decenni sostiene EI e la sua lotta per l'accesso a un'istruzione di qualità.

Ricordando il tema del Congresso dell'EI "Gli educatori e i loro sindacati prendono l'iniziativa", Satyarthi ha affermato che questa azione viene al momento giusto ed è cruciale visti i "momenti bui" che stiamo vivendo, dove i diritti dei bambini, i diritti degli educatori, la democrazia e il clima sono minacciati da conflitti e avidità.

Satyarthi ha riportato cifre inquietanti, che mostrano un aumento "inaccettabile" della disuguaglianza: 428 milioni di bambini sotto i 10 anni vivono in povertà multidimensionale. Degli 1,3 miliardi di persone che vivono in questa situazione, più della metà ha meno di 18 anni. "I bambini sopportano il peso della disuguaglianza in tutto il mondo", ha detto.

È deplorevole che la situazione globale non abbia mostrato progressi nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile adottati nel 2015, in particolare per quanto riguarda l'obiettivo di un'istruzione gratuita di qualità per tutti. Un quarto degli adolescenti non andrà a scuola nel 2030 e il mondo ha bisogno di 69 milioni di insegnanti in più. La mancanza di volontà politica e la tendenza a privatizzare l'educazione ostacolano il progresso verso la giustizia e il progresso, ha affermato il premio Nobel.

I sindacati e la loro lotta per una maggiore giustizia ed equità sono stati elogiati da Satyarthi, che ha sottolineato l'importanza di collaborare con gli altri movimenti sociali per "diffondere compassione" in tutto il mondo. La sua iniziativa sta raccogliendo firme per sostenere i bambini nella "Campagna dei 100 milioni", in cui EI e altri movimenti sono solidi alleati.

Satyarthi ha concluso il suo discorso con un’ovazione da parte dei delegati, che hanno apprezzato il suo invito all'azione: "Non potete aspettare che un eroe scenda tra di voi. Siete voi questo eroe. Siete voi questo cambiamento.  Siete voi che dovete guidarlo. "