FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3816553
Home » Attualità » Europa e Mondo » Troppa matematica e poche letture.

Troppa matematica e poche letture.

Stati Uniti, Novembre 2000

12/11/2000
Decrease text size Increase  text size

Novembre

Troppa matematica e poche letture. Gli allievi americani non vanno meglio dei loro predecessori degli anni settanta e il loro livello in matematica non è progredito che a passo di lumaca, secondo il centro di ricerche Institut Brookings. Dal 1971 per i gruppi di età di 9, 13 e 17 anni i progressi sono stati minuscoli. Numerosi stati avrebbero privilegiato troppo la matematica e le scienze a detrimento della lettura e dell’alfabetizzazione. Per i diciassettenni i progressi sono ancora più lenti perché questi danno meno importanza al successo scolastico. Secondo i ricercatori le cause stanno in metodi di insegnamento meno efficaci che negli altri paesi, nell’insufficienza dei compiti a casa, nell’abbondanza di attività sportive ed extrascolastiche.

La California dice no al buono scuola. "Proposition 38", la legge che avrebbe consentito di finanziare la scuola privata californiana è stata battuta in un referendum svoltosi nei giorni scorsi nello stato del Pacifico. La legge avrebbe dovuto prevedere un buono scuola di 4000 dollari (otto milioni di lire) per le famiglie che avessero iscritto i figli nelle scuole private. L'iniziativa era stata assunta da Tim Draper, un magante della Sylicon Valley, con la solita idea di coniugare privatizzazione e risparmi pubblici. Ma è stata propio questa filosofia liberista a decretare l'isolamento dell'iniziativa, tanto che neppure la chiesa cattolica, che detiene la maggioranza delle scuole private californiane, si è schierata a favore. Infatti è stato subito evidente che, stante le condizioni delle strutture scolastiche e l'impossibilità delle scuole di fare fronte al volume della domanda pubblica, il finanziamento si sarebbe risolto in un vantaggio per chi nelle scuole private c'era già, vale adire per le famiglie più ricche. La legge è stta fortemente osteggiata dall'American Federation of Teachers, il secondo sindacato americano per importanza e numero di iscritti (700.000), da tempo in prima linea a difesa della scuola pubblica. L'Aft ha speso parecchio in spot pubblicitari per sostenere il no nella campagna referendaria. Ed è la seconda volta che l'Aft vince contro queste proposte, dopo che lo scorso anno i giudici dell'Ohio avevano messo in mora un
analogo progetto del municipio di Cleveland. La sconfitta del buono scuola californiano riveste un grande rilievo politico sia perchè la California è stata in passato il battistrada di spregiudicate scelte neoliberiste, quando Reagan ne era il governatore, sia perchè la politica del buono scuola fa parte del programma repubblicano di