FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3846137
Home » Attualità » Europa e Mondo » Portogallo. Continua la mobilitazione dei docenti portoghesi contro le decisioni unilaterali del ministro dell'educazione

Portogallo. Continua la mobilitazione dei docenti portoghesi contro le decisioni unilaterali del ministro dell'educazione

Andando oltre ogni aspettativa, 100.000 docenti hanno partecipato sabato 8 marzo, sfilando per le vie del centro di Lisbona, alla “Marcia dell’Indignazione”, indetta unitariamente da tutti i sindacati della scuola e dell’università portoghesi.

13/03/2008
Decrease text size Increase  text size

La lotta che i sindacati dell’educazione portoghesi stando conducendo da più di un anno contro il ministro dell’educazione è culminata, sabato 8 marzo, in una grande mobilitazione con al centro la richiesta di rispettare la dignità dei lavoratori, il loro contratto di lavoro e le relazioni sindacali, e di sospendere per l’anno scolastico corrente ogni atto unilaterale di modifica delle condizioni di lavoro - statuto della carriera docente; pagamento degli straordinari; regime di direzione degli istituti scolastici; educazione speciale.

L’imponente manifestazione, la più partecipata negli ultimi decenni, ha prodotto alcuni effetti sulla politica del ministero dell’educazione, dimostratosi finora piuttosto arrogante e sordo ad ogni appello. Per la prima volta, il ministro nell’incontro con i sindacati, avvenuto lunedì 11, ha dimostrato qualche disponibilità a dare risposte concrete, insieme con i sindacati, ad alcuni dei problemi che coinvolgono il mondo dell’educazione.

Il confronto è ora in atto; forte la determinazione dei sindacati portoghesi a proseguire la lotta fino al conseguimento delle loro richieste.

Roma, 13 marzo 2008

Tag: portogallo