FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3829961
Home » Attualità » Europa e Mondo » Nicaragua. Una svolta nella politica educativa per affermare il diritto ad un’educazione per tutti

Nicaragua. Una svolta nella politica educativa per affermare il diritto ad un’educazione per tutti

La situazione dell'istruzione in Nicaragua ha raggiunto i livelli più tragici della sua storia

17/01/2007
Decrease text size Increase  text size

In questi ultimi 17 anni, la situazione dell'Istruzione in Nicaragua ha raggiunto i livelli più tragici della sua storia. Si è disintegrata la fiducia nel sistema scolastico pubblico e con lo strumento dell'Autonomia Scolastica, introdotta nel 2003 dall'amministrazione Bolaños, con il pretesto di voler avvicinare le famiglie alla scuola, è stata ripetutamente violata la Costituzione Politica del paese che prevede la gratuità dell'Istruzione. Si è istituzionalizzata una politica di pagamento per le famiglie all'interno delle scuole, portandole in realtà a non poter più iscrivere i propri figli, facendo così lievitare gli indici di analfabetismo e accelerando il processo di abbandono scolastico.
Inoltre, un sistema scolastico trasformato in commercio ha corrotto il settore, arrivando a privilegiare la nomina di maestri empirici per non dovere pagare maggiori stipendi a quelli qualificati e laureati. Attualmente, in Nicaragua 800 mila bambini, bambine e giovani rimangono ogni anno fuori del sistema scolastico, l'abbandono scolastico ha toccato livelli tra i più alti dell'America latina, la qualità dell'insegnamento è altamente deficiente (durante l'ultimo esame di ammissione all'Università di Ingegneria, solo l'8 per cento ha superato la prova di matematica) e l'analfabetismo è aumentato vertiginosamente.

Il nuovo governo, che si è installato lo scorso 10 gennaio, si trova ora di fronte ad una sfida di difficile soluzione: non solo migliorare l'Istruzione pubblica e ritornare al suo vero significato intrinseco, ma anche rimotivare migliaia di maestri, spossati dalla tragica esperienza di queste due decadi, e gli studenti che non credono più in questa professione.
Il giorno dopo l'insediamento di Daniel Ortegaalla Presidenza della Repubblica, il nuovo Ministro dell'Istruzione, Miguel De Castilla, uno sperimentato docente universitario e profondo conoscitore del mondo dell'istruzione, ha inaugurato il suo nuovo incarico con una riunione con tutti i delegati dipartimentali del Ministero dell'Istruzione, Cultura e Sport (MECD), per fare conoscere la proposta del nuovo Piano di Educazione per i prossimi cinque anni.
Durante più di un'ora d'intervento, accompagnato da Silvia Milena Nuñez , Viceministra e dirigente sindacale della storica e combattiva Asociación Nacional de los Educadores de Nicaragua ( ANDEN), De Castilla ha spiegato ai presenti i punti fondamentali della sua futura gestione.
Il programma è basato su quattro linee di politiche educative.

La prima è "Più Educazione" ed il suo motto sarà " L'intervallo è finito...andiamo a scuola!" . Il proposito è quello di offrire maggior istruzione Prescolastica, Primaria e Secondaria (equivalente alla Scuole materne, elementari, medie e superiori) e meno analfabeti.
Nessun bambino, bambina o giovane deve restare a casa senza studiare, ma questo vorrà dire fare un sforzo straordinario per scoprire chi sono i bambini che non vengono a scuola, capirne le cause - quasi sempre la povertà - e studiare ogni singolo caso.
Si inizierà con un lavoro d'indagine e ricerca per segnalare tutti questi casi agli altri ministeri del nuovo governo, affinché intervengano sulle cause strutturali di ogni famiglia e rimuovano gli ostacoli all'immatricolazione, cercando il modo di fare passi avanti nella lotta contro la povertà, non solo economica, ma anche culturale.

Parecchia enfasi è stata posta anche sulla lotta contro l'analfabetismo, cercando di portare avanti i due temi contemporaneamente: migliore istruzione ed alfabetizzazione.
Su questo tema, il MECD ha firmato un accordo con l'Associazione di Educazione Popolare "Carlos Fonseca Amador" ( AEPCFA), organizzazione che ha sviluppato un intenso lavoro di alfabetizzazione attraverso il metodo cubano "Yo, sì puedo", con l'obiettivo di dare, in due anni, il diploma a migliaia di persone che sono analfabete, ma non un diploma in Scienza e Lettere, bensì legato ai bisogni delle persone più povere, dei contadini, affinché sia un'istruzione che sbocchi immediatamente nella capacità di poter lavorare e produrre.

Sul tema dell ' Autonomia Scolastica, il nuovo ministro ha dichiarato che una delle cause che hanno portato alla privatizzazione dell'istruzione e alla mancanza di immatricolazioni, è stata l'introduzione del pagamento di "quote volontarie" da parte delle famiglie. Ostacoli che vanno eliminati in quanto far pagare delle quote contraddice la Costituzione del Nicaragua e la Legge Generale dell'Istruzione. Per quanto riguarda le altre tre linee della nuova politica educativa,
una sarà " Migliorare l'Istruzione", poiché non è solo importante che i bambini vadano a scuola, ma anche la qualità dell'istruzione che viene offerta loro, con migliori scuole e relazioni pedagogiche . Questo obiettivo si raggiungerà attraverso la formazione permanente dei maestri empirici, che sono la maggioranza di quelli che attualmente stanno lavorando e l'inserimento di quelli che hanno un titolo o stanno frequentando l'università.

Per quanto riguarda il curriculum scolastico, dovrà essere sistemico, integrale, coerente, armonico che privilegi l'Essere piuttosto che il solo Fare e che formi lo studente per una sua autonomia ed indipendenza personale e sociale. Un curriculum che prepari lo studente per il presente ed anche per il futuro, e che impari ad imparare e si prepari per continuare ad imparare durante il resto della sua vita.
Un curriculum che insegni a prepararsi per il mondo del lavoro, con valori basilari relazionati al servizio agli altri.

La terza e quarta linee hanno a che vedere con " Un'altra Istruzione - un'altra Scuola" e con " Istruzione con una visione sistemica ed integrale".
Secondo De Castilla"bisogna eliminare la parola "denaro", estirpare l'amministrazione finanziaria dalle scuole. La funzione fondamentale di un direttore e di un centro educativo è eminentemente pedagogica. La scuola deve essere attraente e non espulsiva. Che i bambini capiscano il vero significato della scuola, che è insegnare ad Essere.

Questo ha a che vedere con l'essere autonomo, indipendente, come insegna Paulo Freire.
Una scuola per creare cittadinanza, per garantire il diritto umano fondamentale attraverso il quale il bambino impari e difenda che l'Istruzione è un suo diritto, che l'ambiente pulito è un suo diritto. La scuola deve insegnare a pensare, riflettere, criticare e proporre. Una scuola che fa scoprire i meccanismi di imposizione ideologica e li trasforma a beneficio degli interessi e bisogni delle maggioranze impoverite.

Roma, 17 gennaio 2007

Tag: nicaragua