FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3959483
Home » Attualità » Europa e Mondo » La FLC CGIL aderisce alla richiesta di Education International per un'educazione universale sul cambiamento climatico

La FLC CGIL aderisce alla richiesta di Education International per un'educazione universale sul cambiamento climatico

Si ribadisce che affrontare il cambiamento climatico è una priorità assoluta per tutti i settori dell'istruzione. La FLC CGIL chiede al governo italiano di intervenire finanziando investimenti ordinamentali.

24/11/2020
Decrease text size Increase  text size

Education International, la confederazione che riunisce tutte le organizzazioni sindacali dell’istruzione a livello globale, anche a seguito delle risoluzioni approvate durante l’ultimo Congresso di Bangkok, ha predisposto una lettera che invita tutti i governi a impegnarsi in un'azione urgente in materia di alfabetizzazione climatica e ambientale. Si tratta di una azione legata alla  campagna di alfabetizzazione climatica globale volta a garantire impegni coraggiosi di alfabetizzazione climatica alla conferenza delle Nazioni Unite sul clima prevista per novembre 2021 nel Regno Unito (COP26)

Ad oggi, oltre 300 organizzazioni e personaggi pubblici hanno firmato la lettera a Patricia Espinosa,  Segretario esecutivo della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) e ai governi presenti alla conferenza del prossimo anno. Eppure, siamo consapevoli della necessità di essere ancora più attivi nel fare pressioni, incoraggiare e persuadere i governi a accettare la nostra richiesta di educazione climatica obbligatoria e valutata collegata all'impegno civico e trasformarla in realtà alla conferenza delle Nazioni Unite del 2021.

Francesco Sinopoli, Segretario generale della FLC CGIL, che ha sottoscritto l’adesione, ha sottolineato: “L’adesione a questa azione internazionale si pone in continuità con uno tra i temi caratterizzanti della nostra azione, riconoscendo che l’emergenza climatica richiede azioni determinate e urgenti da parte di tutti i governi per salvare il pianeta e l'umanità”.

Pur apprezzando l’incremento delle risorse individuate dal disegno di legge di Bilancio 2021, dedicate all’approfondimento delle tematiche ambientali, chiediamo al governo di predisporre strumenti e risorse economiche perché il sistema di istruzione possa esercitare un adeguato protagonismo e adempiere alla fondamentale costruzione della cittadinanza attiva, per la creazione di una coscienza sociale e ambientale responsabile. Sarebbe opportuno, pertanto, finanziare investimenti ordinamentali, mentre al momento si prevede lo svolgimento delle attività di Educazione Civica senza un’ora e un insegnante dedicati perché i provvedimenti sono vincolati dalla clausola di invarianza finanziaria.