FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

http://www.flcgil.it/@3900709
Home » Attualità » Europa e Mondo » La Commissione Europea dei Sindacati è contraria alla proposta di una dimensione sociale troppo restrittiva dell'Unione economica monetaria

La Commissione Europea dei Sindacati è contraria alla proposta di una dimensione sociale troppo restrittiva dell'Unione economica monetaria

La CES si oppone alle politiche di austerità in corso e chiede nuovi piani d'investimento.

06/03/2013
Decrease text size Increase  text size

Nella riunione del 5 marzo 2013, il Comitato esecutivo della Confederazione europea dei sindacati (CES) si è opposto alle politiche di austerità in corso a scapito dei lavoratori e dei cittadini dell'Unione Europea chiedendo nuovi piani di investimenti annuali. Pubblichiamo di seguito la dichiarazione che ha adottato in merito.
____________________________

La CES ritiene che la proposta di una dimensione sociale dell'UEM (Unione economica e monetaria) sia troppo restrittiva. Il nostro impegno nei confronti del processo di integrazione europea si basa sul fatto che l'Europa non è una zona di libero scambio, ma uno spazio il cui obiettivo è il progresso economico e sociale.

Pertanto, un dibattito sulla dimensione sociale dell'Unione economica e monetaria è appropriato solo se si crea il progresso sociale in tutta l'Unione europea.

La CES si oppone alle politiche di austerità in corso. Esse sono attuate a spese dei lavoratori e dei cittadini considerati come una variabile di aggiustamento. Questo è inaccettabile. Queste politiche sono anche contro produttive e hanno un impatto negativo sull'economia dell'UE. Il settore finanziario è stato salvato ad un prezzo esorbitante. Non ci può essere dimensione sociale, sia nella UE come nell’UEM, senza un cambiamento di tali politiche.

La CES continuerà a mobilitare per questo scopo.

La CES ritiene che una tabella di marcia sulla dimensione sociale dell'UEM, in un contesto di un coordinamento rafforzato delle politiche, dovrebbe mirare ad una convergenza verso l'alto per affrontare le disuguaglianza, la povertà, la disoccupazione e la precarietà che sono eticamente inaccettabile e che hanno creato una vera emergenza sociale.

Non ci può essere una governance economica sostenibile e un coordinamento delle politiche se queste ingiustizie non vengono prese in considerazione.

La CES chiede nuovi piani d'investimento annuali in scala fino ad almeno l'1% del PIL dell'Unione europea per promuovere la crescita sostenibile e l'occupazione.

Le attuali proposte del quadro finanziario pluriennale (QFP) è un passo indietro e sono del tutto inadeguate in relazione ai nostri obiettivi.

La CES insiste sul fatto che le parti sociali sono coinvolte e devono essere pienamente coinvolte, in condizione di parità, nel dibattito sulla definizione di nuovi strumenti di coordinamento. Ci devono essere, in ogni fase, efficaci garanzie e sostegno dei diritti sindacali e dei i diritti umani, in particolare per quanto riguarda la contrattazione collettiva.

Gli accordi contrattuali in forma di memorandum sono stati attuati in modo antidemocratico e hanno imposto una serie di misure del tutto inappropriate. Essi non sono conformi ai contratti collettivi, alle relazioni industriali e al dialogo sociale e non dovrebbero far parte di alcuna disposizione contrattuale.

Il sostegno finanziario a tali disposizioni è subordinato alla condizione e la CES si oppone a questo tipo di approccio ingiusto e antidemocratico.

Sulla base del contratto sociale che è già stato proposto, la CES continuerà a chiarire la sua posizione e per promuovere le sue politiche nel quadro del dibattito sulla dimensione sociale dell'UE e dell'UEM.