FLC CGIL
Come presentare domanda graduatorie terza fascia ATA 2021

http://www.flcgil.it/@3866047
Home » Attualità » Europa e Mondo » L’insegnamento della religione in Europa

L’insegnamento della religione in Europa

Uno sguardo sull’Europa su un argomento che sta ridiventando spinoso in Italia. Soluzioni diverse per storie diverse.

21/10/2009
Decrease text size Increase  text size

In momenti recenti la questione dell’insegnamento della religione ha destato polemiche in almeno cinque occasioni. La prima fu alcuni mesi fa, quando il Consiglio di Stato diede torto al ministero sul fatto che la frequenza dell’ora di religione cattolica potesse costituire un credito scolastico in più per lo studente frequentante. Successivamente a destare polemiche è stata la scelta del Ministro Gelmini di non prevedere la presenza agli scrutini degli insegnanti di attività alternative. In seguito vi è stata la proposta della stessa Gelmini di attribuire il voto in decimi alla IRC con conseguenze sulla media complessiva dell’alunno. Tra l’una e l’altra proposta vi è stato il rifiuto del Vaticano a prevedere una disciplina di materia religiosa multiconfessionale. Infine, da ultimo vi è stata la proposta del sottosegretario D’Urso di prevedere per gli alunni di religione mussulmana l’insegnamento dell’islam nelle scuole alternativo alla religione cattolica.

In tutte queste polemiche, non ultima quella sull’insegnamento dell’islamismo, ciò che spesso è emerso è stata l’ignoranza diffusa circa la situazione di reale difficoltà di fruizione delle attività alternative (accentuata anche dai tagli di questi anni) o delle altre scelte che garantiscono la facoltatività della disciplina.

Di questa ignoranza fa parte la non conoscenza di come la situazione si pone negli altri paesi europei.

Quante e quali religioni

In Europa l’insegnamento della religione è maggioritario, ma non si tratta ovunque di religione cattolica o di una religione unica: questo caso si verifica solo in 6 paesi (tra cui l’Italia) per la religione cattolica, in 2 per quella ortodossa (Cipro e Grecia) e in 1 (Turchia) per quella islamica.

In 12 paesi l’insegnamento è multireligioso, sia nel senso di prevedere più confessioni, anche non cristiane (ebraismo, islam e buddismo) sia nel senso di prevedere discipline interconfessionali (Svezia, Regno Unito, alcuni cantoni svizzeri). Quest’ultima pratica è oggi prevalente ad Amburgo, per cui viene spontaneo chiedersi perché proprio il “Papa tedesco” voglia negare all’Italia ciò che in Germania non desta né scandalo né problemi né alle autorità ecclesistiche né alla cittadinanza. E nel sud della Germania, a prevalenza cattolica, sono diffuse esperienze di insegnamento islamico, talvolta anche in lingua turca.

A questi si aggiungono 6 paesi che offrono diverse confessioni cristiane (cattolica, ortodossa, protestanti), a volte nella medesima scuola o regione, a volte in zone diverse del paese, più la Bulgaria e la Russia dove di fatto si insegna religione ortodossa e islamica (de jure in Russia anche buddismo e ebraismo) e la Finlandia dove si insegnano più confessioni protestanti.

Le condizioni di erogazione e di accesso all’insegnamento

Solo in tre paesi non si insegna religione a scuola: la Francia (con l’eccezione della regione dell’Alsazia-Lorena), l’Ungheria (dove religione è materia extrascolastica e facoltativa) e la Slovenia. Vi sono poi paesi in cui religione non si insegna in alcune località o scuole (Svezia), cantoni (Svizzera) o gradi di scuola (nelle secondarie bulgare).

In altri 6 paesi (Lettonia, Lituania, Polonia, Slovacchia, Portogallo e Lussemburgo) l’insegnamento della religione non è di per sé curriculare ma funziona di fatto come materia alternativa ad un insegnamento curricolare laico di “etica”. E’ qualcosa di simile a ciò che succede in Germania nei laender di Brandeburgo e di Berlino, dove proprio quest’anno un referendum ha respinto l’ipotesi di introdurre l’insegnamento della religione nel curricolo obbligatorio.

In due paesi (in Belgio e nelle secondarie croate) l’insegnamento della religione è materia opzionale, a scelta con un altro insegnamento, anche qui di Etica o di Morale.

Negli altri paesi si insegna religione come materia curricolare obbligatoria, con possibilità di dispensa (in 14 paesi, come avveniva nell’Italia pre-concordato dell’84), o facoltativa (in 12 paesi, come nell’Italia post-concordato dell’84). In alcuni paesi l’obbligatorietà con dispensa e la facoltatività sono copresenti a seconda delle località (cantoni svizzeri) o dei gradi di scuola (Croazia).

Le discipline alternative

Solo 12 paesi offrono discipline alternative a chi non si avvale dell’insegnamento religioso (compresi i paesi in cui è religione ad essere disciplina alternativa). In 9 paesi si tratta soprattutto di “Etica”. In 3 casi (Italia, Russia, Ucraina) si tratta di attività decise dalle scuole. In Germania la disciplina alternativa è decisa a livello di laend: può essere “Etica” oppure “Filosofia pratica” oppure “ Storia delle religioni” oppure tutte e tre le cose messe insieme.

17 paesi non offrono nessuna disciplina alternativa.

Stato giuridico degli insegnanti di religione

In 17 dei 31 paesi esaminati si parla di controllo statale sull’insegnamento della religione, ma cosa ciò significhi non è del tutto chiaro. Da noi e in Spagna la nomina è di fatto competenza dei vescovi. Da noi sia con contratto a Tempo Indeterminato (concorso) sia a Tempo Determinato, in Spagna a contratto a Tempo Indeterminato, ma non “di ruolo”. Anche in Grecia è chiarito che gli insegnanti di religione sono dipendenti pubblici.

I titoli richiesti per insegnare religione sono in 11 paesi lauree o diplomi in teologia o scienze religiose che sono erogati da università statali, in 15 paesi, tra cui l’Italia, fa fede un non meglio precisato certificato ecclesiastico. In Bulgaria e nella regione francese dell’Alsazia-Lorena l’insegnamento della religione è demandato direttamente a personale religioso (diaconi, pastori, catechisti).

Paese

Condizione di erogazione e accesso

Religione insegnata

Disciplina alternativa

Stato giuridico degli insegnanti di religione.

Germania

Obbligatoria con dispensa. Aggiuntiva a richiesta a Berlino e in Brandeburgo

Cattolica, protestante. Ebrea e islamica a livello regionale. Multireligiosa ad Amburgo

Etica, regole e valori, filosofia pratica, storia delle religioni

Controllo dello stato, missione canonica e di vocazione

Inghilterra e Galles

Obbligatoria con dispensa

Educazione religiosa multiconfessionale con priorità alla tradizione cristiana

Nessuna

Controllo dello stato. Titolo di studio religiosi nelle università statali

Austria

Obbligatoria con dispensa. Facoltativa nelle scuole professionali

Cattolica, protestante, ebraica, islamica, buddista

Nessuna

Controllo dello stato. Certificato ecclesiastico di competenza.

Belgio

Opzione obbligatoria: o corso confessionale o corso di morale

Cattolica, ebrea, ortodossa, protestante, islamica

Morale

Controllo della comunità linguistica. Certificato ecclesiastico

Bulgaria

Facoltativa e presente solo nella scuola primaria

Ortodossa, islamica

Nessuna

Catechista volontario

Cipro

Obbligatoria con dispensa

Ortodossa

Nessuna

Controllo statale. Corso di teologia nell’università statale.

Croazia

Facoltativo nella primaria e nella media, opzionale successivante

Cattolica

Etica (solo nella secondaria)

Controllo statale. Certificato ecclesiastico.

Danimarca

Obbligatorio con dispensa

Luterana o altre religioni (insegnamento non confessionale)

Nessuna

Controllo statale. Studi di teologia nelle università statali

Spagna

Facoltativa

Cattolica, protestante, ebrea, islamica

Nessuna

Certificato ecclesiastico. Lavoro a contratto

Finlandia

Obbligatoria con dispensa

Luterana o altra confessione evangelica

Etica

Controllo di stato. Scienze religiose nelle università statali.

Francia

Nessun insegnamento (Salvo in Alsazia-Lorena)

In Alsazia-Lorena cattolica, luterana, riformata, ebraica

Nessuna

In Alsazia-Lorena diacono o pastore con controllo statale

Grecia

Obbligatoria con dispensa

Ortodossa

Nessuna

Diploma di teologia rilasciato dalle università statali.

Dipendente statale

Ungheria

Facoltativa ed extrascolastica

Cattolica, protestante

Nessuna

Certificato ecclesiastico.

Irlanda

Facoltativa (obbligatoria nelle scuole confessionali)

Cattolica

Nessuna

Abilitazione e certificato ecclesiastico

Italia

Facoltativa

Cattolica

Attività decise scuola per scuola oppure nessuna attività

Abilitazione o certificato ecclesiastico. Dipendente statale a TI o a TD

Lettonia

Facoltativa come alternativa al corso di etica

Luterana, ortodossa, cattolica, battista, ebraica

Etica

Certificato ecclesiastico

Lituania

Facoltativa come alternativa al corso di etica

Luterana, ortodossa, cattolica, battista, ebraica

Etica

Certificato ecclesiastico

Lussemburgo

Facoltativa come alternativa al corso di etica

Cattolica, luterana, calvinista

Etica

Certificato ecclesiastico

Malta

Obbligatoria con dispensa

Cattolica

Nessuna

Certificato ecclesiastico

Norvegia

Obbligatoria con dispensa parziale

Grandi religioni, umanesimo, etica

Nessuna

Controllo statale. Teologia nelle università statali. Accordo tra stato e chiesa luterana.

Polonia

Facoltativa come alternativa al corso di etica

Cattolica, protestante, ebraica, ortodossa

Etica

Controllo statale. Certificato ecclesiastico.

Portogallo

Facoltativa come alternativa al corso di etica

Cattolica

Etica

Controllo statale. Certificato ecclesiastico

Romania

Obbligatoria nella primaria, opzionale nella secondaria

Ortodossa, cattolica e altri 12 culti

Nessuna

Studi teologici nelle università statali.

Russia

Facoltativa

Ortodossa, islamica (ebraica e buddista solo in teoria)

Storia delle religioni

Dipende dalle regioni

Slovacchia

Facoltativa come alternativa al corso di etica

Cattolica

Etica

Certificato ecclesiastico o studi teologici nelle università statali.

Slovenia

Nessun insegnamento

Svezia

Obbligatoria solo in alcune località

Multireligiosa

Nessuna

Controllo statale. Studi in scienze religiose.

Svizzera

Nessun insegnamento in alcuni cantoni (Ginevra, Neuchatel, obbligatoria in altri, facoltativa in altri

Cattolica, protestante. Altre religioni a livello locale e cantonale.

Multireligiosa nei cantoni di Friburgo, Vaud e Jura.

Nessuna

Controllo cantonale

Rep. Ceca

Facoltativa

Religioni riconosciute

Nessuna

Turchia

Obbligatoria con dispensa

Islamica (non confessionale)

Nessuna

Controllo statale

Ucraina

Obbligatoria o facoltativa secondo le scuole

Etica cristiana (occidente) cultura ortodossa (oriente)

Attività locali

Controllo statale

(Fonte: Des Maitres et des Dieux, Saint Etienne, 2005)

Roma, 21 ottobre 2009