FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti
http://www.flcgil.it/@3900471
Home » Attualità » Europa e Mondo » FIRENZE 10+10: unire le forze per un’altra Europa. Noi lo abbiamo fatto ancora

FIRENZE 10+10: unire le forze per un’altra Europa. Noi lo abbiamo fatto ancora

FLC CGIL, FENPROF Portogallo, SNES e SNESUP Francia, OLME Grecia, gli Studenti della Rete della Conoscenza e il Comitato dell’Educazione professionale di Firenze 10+10 sottoscrivono il Manifesto della Conoscenza.

21/02/2013
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Fin dal mese di novembre scorso, il nostro sindacato si è fatto promotore, nell'ambito di Firenze 10+10, di un Manifesto della Conoscenza, convinto che era necessario rispondere, con un fronte comune di forze sociali a livello europeo, alla crisi e alle politiche imposte dalle istituzioni dell'UE e della BCE e creare alleanze per una strategia a lungo termine capace di costruire un'Europa sociale e dei cittadini.

La Conoscenza deve essere al centro di questo progetto perché senza il sapere, per tutti e di tutti, quale bene comune, non ci può essere futuro per le nuove generazioni.
Purtroppo, in tutti questi anni, da Lisbona ad oggi, l'economia della Conoscenza è stata sepolta dall'economia della finanza e del mercato, proprio quella finanza che ha generato la crisi.

Rinunciando alla Conoscenza, l'Europa ha seppellito la cultura e la civiltà e ha creato un'Europa sempre più disuguale dimenticando la solidarietà e la coesione sociale.
In nome dei soldi e dei mercati, l'Europa ha perso l'essenza dei suoi trattati fondatori mettendo a rischio la sua stessa esistenza.
Questa Europea ha ridotto la Grecia alla fame, con scuole ed ospedali senza riscaldamento, povertà, malattie e sta facendo soffrire molti altri popoli e paesi in nome del dio denaro e del pareggio di bilancio.

Sindacati, reti, movimenti, associazioni, ONG, di varia provenienza e composizione hanno ricercato e ricercheranno, dopo Firenze, alternative politiche, convergenze e scambieranno esperienze, in un lavoro comune, per una forte e diffusa mobilitazione antiliberista che si ponga in alternativa all'Europa dei banchieri, alla supremazia del mercato, alle speculazioni finanziarie, al fiscal compact.

Noi, donne e uomini della FLC CGIL, continueremo a lavorare a livello nazionale ed europeo alla costruzione dell'Europa della civiltà e della cultura, dei diritti e del benessere sociale, della salute, del lavoro e del rispetto dell'ambiente.

È una promessa che facciamo a noi stessi e a tutte le cittadine ed i cittadini italiani ed anche, e soprattutto, alle nuove generazioni.

In allegato il Manifesto della Conoscenza in tre lingue IT - FR - EN.