FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3929793
Home » Attualità » Istruzione degli adulti » Istruzione degli adulti: pubblicata la circolare con i termini di scadenza per le iscrizioni a.s. 2016/2017

Istruzione degli adulti: pubblicata la circolare con i termini di scadenza per le iscrizioni a.s. 2016/2017

La circolare conferma il ruolo strategico di questo segmento di scuola, fondamentale per il sistema educativo nazionale.

15/02/2016
Decrease text size Increase text size
Vai agli allegati

In data 11 febbraio è stata pubblicata dal MIUR la circolare 1 relativa alle iscrizioni ai CPIA e ai percorsi di livello (ex corsi serali) per l’anno scolastico 2016/2017.

Con l’anno scolastico 2015-16  è entrato pienamente a regime il Regolamento sull’Istruzione per gli Adulti (DPR 263/12). Tutti i Centri territoriali per l'educazione degli adulti (CTP) e i corsi serali per il conseguimento di diplomi di istruzione secondaria superiore hanno cessato di funzionare il 31 agosto 2015.

CPIA hanno la medesima autonomia attribuita alle istituzioni scolastiche, sono articolati in reti territoriali di servizio generalmente costituiti dalle sedi degli ex CTP. I corsi di secondo livello  (ex serali) sono invece incardinati nelle scuole secondarie di II grado  (istituti tecnici, istituti professionali, Licei artistici).

La circolare 1 riporta il termine di scadenza delle iscrizioni fissato di norma al 31 maggio 2016 e comunque non oltre il 15 ottobre 2016, sempre in riferimento alla circolare 22 del 21 dicembre sulle iscrizioni per tutte le scuole di ogni ordine e grado.

Sempre nella circolare sono riportate le informazioni contenute nella nota 8366 dell’11 settembre 2015 in merito alle scadenze per la stipula dei patti formativi (15 novembre 2016) e per l’eventuale rinnovo dell’accordo di rete tra il CPIA e le scuole superiori del territorio su cui insiste, se sono subentrati elementi di difformità, come ad esempio il dimensionamento scolastico (30 settembre 2016).

La circolare  fornisce chiarimenti i sulle iscrizioni degli studenti quindicenni ai percorsi di primo livello. Come chiesto dalla FLC CGIL, questi casi devono essere considerati eccezionali e non possono in alcun modo essere collegati a difficoltà comportamentale o a condizioni di disagio sociale o di ritardo scolastico La circolare sottolinea a tal fine il ruolo di garanti degli Uffici scolastici regionali. Quest’anno la circolare contiene una integrazione che riguarda i minori soggetti a provvedimenti dell’autorità giudiziaria, che possono iscriversi ai corsi di primo livello anche se non in possesso del requisito dei 16 anni di età.

La circolare stabilisce inoltre che “l'iscrizione ai percorsi di istruzione degli adulti di primo e secondo livello  è garantita  prioritariamente a coloro che intendono conseguire un titolo di studio di livello  superiore a quello già posseduto, ferma restando la possibilità a fronte di motivate necessità di consentire - nei limiti dei posti disponibili - l’iscrizione anche agli adulti già in possesso di un titolo di studio conclusivo dei percorsi del secondo ciclo”.

Anche in questo caso è citata la nota dell’11 settembre 2015 per richiamare gli Uffici scolastici ad effettuare accordi con gli Enti locali per l’utilizzo degli spazi adeguati anche nel rispetto della sicurezza.

La FLC CGIL ha ricordato all’Amministrazione come questi accordi stentino a realizzarsi, per cui molti CPIA ancora non trovano collocazione in ambienti dignitosi ed accoglienti. Tutti i casi che sono stati segnalati alla nostra organizzazione sono stati puntualmente denunciati al MIUR.

La circolare evidenzia il ruolo dell’Istruzione degli Adulti nel sistema scolastico, ma è fondamentale che questo riconoscimento corrisponda ad un organico anche di potenziamento che consenta ai CPIA e ai corsi di livello di effettuare l’attuazione del modello licenziato delle Linee Guida pubblicate nel marzo del 2015.