FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3886406
Home » Attualità » Cambiamo musica, ricostruiamo l'Italia

Cambiamo musica, ricostruiamo l'Italia

Il 29 ottobre 2011 in Piazza del Popolo a Roma a partire dalle ore 18.00 per una serata di musica e impegno dedicata al lavoro, all'istruzione e alla cultura. La diretta video su questo sito e su CGILTv.

27/10/2011
Decrease text size Increase  text size

Daniele Silvestri, Frankie HI-NRG, i Blues Willies, Max Paiella, Ivana Monti, Ascanio Celestini, Dario Vergassola, Antonia Fama insieme a Susanna Camusso e Domenico Pantaleo ognuno col proprio linguaggio diranno che per ricostruire l'Italia bisogna cominciare dal lavoro, dall'istruzione, dalla cultura. 
Per saperne di più: www.ricostruiamolitalia.it

A partire dalle 18 di sabato 29 ottobre sul palco di Piazza del Popolo a Roma lo diranno in musica, in poesia e in prosa artisti e intellettuali, saranno presenti il sociologo Paolo De Nardis e in video anche l'economista Paolo Leon, ricercatori, studenti e sindacalisti. Diretta video su questo sito e su www.cgil.it/tv.

"Da quella piazza – dichiara Domenico Pantaleo – diremo che esiste un Paese che non si rassegna al declino e al degrado economico e culturale". L'Italia merita molto di più e ha energie e intelligenze per dimostrarlo.

Da 4 anni questo Governo, nonostante abbia negato fino all'ultimo la crisi, ha continuato a colpire duramente i lavoratori, i pensionati e i precari per salvare i ricchi, gli evasori fiscali e le rendite speculative. Facendo questo ha anche chiuso qualunque prospettiva ai giovani e ha depresso l'economia italiana. "Vogliamo aprire una nuova stagione politica e sociale. Ma per questo bisogna investire nella ricerca, nell'innovazione, nella cultura". Anche questo chiede l'Europa, ma il nostro Governo da quell'orecchio non ci sente e si accanisce sulle pensioni, sui tagli alla conoscenza, sui diritti di chi lavora e di chi un lavoro lo cerca.

Il 29 ottobre a Roma vogliamo dire forte che è ora di cambiare musica.

Social network
www.facebook.com/ricostruiamolitalia
http://twitter.com/ricostruiamo
www.youtube.com/user/ricostruiamo