FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3951394
Home » Attualità » Autonomia differenziata: CGIL, dal 21 al 24 maggio campagna “Prima i diritti uguali per tutti”

Autonomia differenziata: CGIL, dal 21 al 24 maggio campagna “Prima i diritti uguali per tutti”

Quattro giorni di iniziative per dire NO al progetto di autonomia differenziata portato avanti dal Governo.

19/05/2019
Decrease text size Increase  text size

Da www.cgil.it

“Prima i diritti uguali per tutti” queste le parole d’ordine della campagna di mobilitazione e informazione lanciata dalla Cgil per dire NO al progetto di autonomia differenziata portato avanti dal Governo.

Quattro giorni di iniziative, dal 21 al 24 maggio 2019, per rilanciare la battaglia del sindacato a favore del superamento delle disuguaglianze e per l’esigibilità dei diritti fondamentali in tutti i territori. Presidi, dibattiti e volantinaggi verranno organizzati nei luoghi in cui è maggiormente necessario intervenire per superare le difficoltà nell’erogazione di servizi pubblici e nei luoghi in cui questo progetto di autonomia differenziata potrà determinare criticità. A Napoli, il 21 maggio, presso il Salone ‘G. Federico’ della Cgil Campania in Via Toledo si terrà l’iniziativa ‘Autonomia, effetti e ricadute sull’Italia e il Mezzogiorno’ con la partecipazione della segretaria confederale della Cgil Rossana Dettori (programma).

Per la Cgil i diritti fondamentali devono essere garantiti ovunque, a prescindere dal territorio in cui si vive: la salute, il lavoro, l’istruzione, la mobilità e la tutela dell’ambiente non possono essere considerati privilegi, non possono variare da regione a regione.

L’autonomia delle Regioni promossa dal Governo romperà il vincolo di solidarietà del Paese, accrescerà le disuguaglianze già esistenti e consentirà di ignorare norme di principio e di tutela nazionali.

Non siamo contrari al decentramento, alla valorizzazione della prossimità territoriale e alla responsabilizzazione degli amministratori locali, ma non ci può essere un Paese con cittadini di serie A e di serie B, in cui non siano riconosciuti ovunque i diritti sanciti dalla Costituzione.

Ribadiamo la necessità di definire i livelli essenziali delle prestazione (LEP) e le leggi di principio per sancire diritti e norme di tutela nazionali indisponibili, e di realizzare un sistema di perequazione con fondi nazionali che rispetti il principio di solidarietà, al fine di assicurare a tutti i territori servizi pubblici e risorse necessarie a garantire l’esigibilità dei diritti.

Il governo vuole riconoscere maggiore autonomia ad alcune regioni, noi vogliamo che siano ridotte le disuguaglianze e garantiti diritti a tutti.

Materiali grafici

Locandina per stampa e web
Volantino per stampa e web
Volantone per stampa e web

Leggi tutti i dati

Leggi tutti i dati

Leggi tutti i dati

Leggi tutti i dati


Leggi tutti i dati