FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

http://www.flcgil.it/@3955597
Home » Attualità » “Articolo 33” di marzo-aprile, un numero tutto da leggere

“Articolo 33” di marzo-aprile, un numero tutto da leggere

Tema di molti articoli la chiusura delle scuole e la didattica a distanza con tutte le problematiche connesse.

27/04/2020
Decrease text size Increase  text size

Il n.3-4 di “Articolo 33”, appena uscito, è ricchissimo di contenuti, molti dei quali abbiamo deciso di rendere leggibili a tutti e non solo agli abbonati.

La chiusura delle scuole e la didattica a distanza con tutte le problematiche connesse è il tema di molti articoli. Un tema affrontato guardando certo all’emergenza, ma soprattutto al futuro e alle riflessioni sul modello di scuola che questa situazione inedita ha suscitato. Ne parlano docenti, dirigenti, pedagogisti, attenti non solo a tecniche e metodologie, ma anche alla relazione educativa e ai meccanismi di apprendimento, e alla complessiva organizzazione scolastica. (Leggi Volpicella e Franceschini)

Il rapporto con le nuove tecnologie e con l’informazione, temi anche questi quanto mai attuali, sono affrontati in due importanti interviste, che potete leggere integralmente, con altrettanti autorevoli interlocutori: Giovanni Solimine e Mario Morcellini.

L’emergenza covid 19 ha messo in luce alcune drammatiche debolezze nel nostro sistema paese (anche se non solo nel nostro): l’organizzazione sanitaria, certo, soprattutto in alcune aree, ma anche la ricerca, l’università e la scuola. I tagli degli ultimi 20 anni si sono fatti sentire.  Ma non solo tagli, anche cattive riforme e interventi normativi confusi. Per questo “Articolo 33” ha aperto una finestra su questi tre sistemi e sul loro governo con 3 approfonditi articoli che mettono sul tappeto i nodi critici e le difficoltà, m suggeriscono anche possibili strategie. (Leggi gli articoli su università, ricerca, scuola).

Nelle pagine culturali segnaliamo un approfondimento sul caso Dreyfus, recentemente rimbalzato all’attenzione pubblica in seguito all’ultimo film del regista Polanski proprio sul caso dell’ufficiale francese ingiustamente condannato.

Ma c’è tanto di più come potete vedere dall’indice.